Le soluzioni per lo sviluppo intermodale nel bacino Adriatico e nel Mediterraneo orientale.




Outsourcing

Jesi: il progetto Synthesys per il trasporto sostenibile.

20 Maggio 2013

“La realizzazione delle infrastrutture da sola non è sufficiente a determinare lo sviluppo dell’intermodalità nelle Marche ed occorre continuare a lavorare sul modello gestionale, dando concretezza al concetto di Piattaforma Logistica Territoriale”.

Paolo Eusebi, Assessore alla Viabilità della Regione Marche, ha così introdotto il meeting finale del progetto Synthesys, che ha l’obiettivo, all’interno del programma MARCO POLO II, di conciliare la cultura tradizionale del trasporto con i moderni concetti di trasporto sostenibile.

Il progetto, infatti, promuove l’intermodalità per favorire il trasporto ferroviario e marittimo e ridurre quello su gomma.

Gli interventi riguardano lo sviluppo di “reti di apprendimento”, corsi di formazione “a bordo” e “a terra”, per condividere know how e best practice, con l’obiettivo di incentivare il trasporto intermodale nel bacino Adriatico e nel Mediterraneo orientale.

Presente all’incontro anche Galliano Di Marco, presidente dell’Autorità portuale di Ravenna, che ha ribadito la volontà di fare alleanza con i porti di Ancona, Bari e Taranto.





A proposito di Outsourcing