Questo sito richiede JavaScript per funzionare correttamente. Si prega di abilitare JavaScript nel browser e ricaricare la pagina.
Porti digitali: rivoluzione dal 1° luglio per l’autotrasporto

Dal 1° luglio, la digitalizzazione dei varchi portuali ridurrà i tempi di attesa e offrirà nuove opportunità per le aziende di autotrasporto




Trasporti Nazionali e Internazionali

Porti digitali: rivoluzione dal 1° luglio per l’autotrasporto

13 Giugno 2024

Dal 1° luglio, la maggior parte dei porti italiani sarà dotata di sistemi digitali avanzati grazie ai fondi del PNRR, rivoluzionando la logistica portuale e riducendo i tempi di attesa.
L’introduzione dei Port Community Systems (PCS) a Palermo e Catania segna un passo cruciale verso l’informatizzazione della filiera logistica, facilitando le operazioni di carico e scarico, e l’elaborazione della documentazione doganale.
Questo sistema è già operativo in porti come Genova e Civitavecchia, con altre località come Napoli e Salerno in fase avanzata di implementazione.
L’obiettivo del progetto M3C2 del PNRR è standardizzare e sviluppare sistemi simili in tutti i porti italiani.

Finanziamenti per la digitalizzazione delle aziende di autotrasporto

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, guidato da Matteo Salvini, attraverso la società RAM, sta elaborando un bando da 175 milioni di euro per sostenere l’upgrade tecnologico delle aziende di autotrasporto.
I contributi, che copriranno fino al 40% delle spese, saranno destinati a quelle aziende che investiranno in sistemi digitali per migliorare il collegamento con porti, interporti e altre infrastrutture.
Questo bando, previsto entro la fine del 2024, rappresenta un ulteriore passo verso la completa digitalizzazione della logistica italiana nei prossimi 5-10 anni.

LImpulso tecnologico ai porti

Con la digitalizzazione dei varchi portuali, dal 1° luglio, i porti italiani dovranno garantire servizi essenziali come la gestione digitale dei varchi d’ingresso e la localizzazione dei parcheggi.
Tra i PCS già operativi troviamo Genova, Civitavecchia e Ravenna, mentre Trieste ha sviluppato un proprio sistema adottato anche da Catania, Palermo e Ancona.
Livorno condividerà la tecnologia con i 9 porti sardi, Napoli e Salerno, tutti prossimi all’attivazione. Venezia, Bari e Brindisi stanno implementando i propri sistemi digitali.

Benefici per le aziende di autotrasporto

La digitalizzazione non solo velocizzerà le operazioni, ma permetterà anche l’offerta di servizi avanzati e personalizzati agli operatori marittimi e alle aziende di autotrasporto.
Il collegamento tra le aziende e i sistemi portuali sarà essenziale per massimizzare l’efficienza e la sicurezza delle operazioni logistiche, proteggendo al contempo le infrastrutture dal cybercrime.

Vuoi conoscere in anteprima le notizie pubblicate su Logisticamente.it?
Ricevi la newsletter gratuita per rimanere aggiornato sulle ultime novità del mondo della logistica





A proposito di Trasporti Nazionali e Internazionali