Il colosso tedesco Hhla intensifica la sua presenza nel Mediterraneo con l'acquisizione di Logistica Giuliana, segnando una svolta strategica per il porto di Trieste. Scopri di più




Outsourcing

Hhla acquisisce Logistica Giuliana per crescere nel porto di Trieste

22 Dicembre 2023

Il paesaggio logistico del Porto di Trieste si rinnova con l’ingresso di un nuovo attore chiave: il gruppo tedesco Hhla.
Con la recente acquisizione di Logistica Giuliana, precedentemente parte del gruppo Icop Spa Società Benefit, Hhla non solo consolida la sua presenza in Italia, ma apre anche la strada a nuove opportunità di crescita e sviluppo.
Questa mossa strategica permette a Hhla di estendere la sua influenza nel comprensorio dell’ex Ferriera di Servola, un’area ad alto potenziale logistico.
L’intenzione è chiara: trasformare questa zona in un moderno hub logistico, sfruttando la vicinanza alla controllata Plt, acquisita nel 2021.
L’obiettivo a lungo termine è la realizzazione del Molo VIII, destinato a diventare la più grande e avanzata banchina container del porto triestino.
Dal canto suo, Icop, nota per la sua expertise nel settore delle infrastrutture portuali, ha giocato un ruolo cruciale nella riconversione dell’ex area industriale della Ferriera di Servola.
Il presidente Vittorio Petrucco sottolinea l’importanza di questa operazione non solo per il porto di Trieste, ma anche per la collaborazione futura con Hhla, un partner strategico per lo sviluppo dell’area.

Prospettive future e impegni di Hhla

Il progetto non riguarda solo l’espansione fisica del porto.
La Piattaforma Logistica di Trieste si afferma come un nodo cruciale per i collegamenti marittimi con la Turchia e, di conseguenza, per i trasporti ferroviari verso l’Europa centrale.
L’area dell’ex Ferriera di Servola si trasforma così in un polo logistico sostenibile, con infrastrutture dedicate al trasporto ferroviario e alla gestione dei rifiuti.

Il management di Hhla si mostra fiducioso e determinato nel perseguire la propria strategia di crescita a Trieste. Confermando ulteriori investimenti, la società si impegna a sviluppare l’ex area industriale in un moderno centro logistico.
L’obiettivo è chiaro: rendere operativo il primo lotto del Molo VIII entro il 2027, rafforzando così la capacità di movimentazione del porto che già gestisce significativi volumi di traffico annuale.

Vuoi conoscere in anteprima le notizie pubblicate su Logisticamente.it?
Ricevi la newsletter gratuita per rimanere aggiornato sulle ultime novità del mondo della logistica





A proposito di Outsourcing