Una drastica riduzione di personale in tutto il mondo per tagliare i costi di circa 80 milioni di euro l'anno.




Trasporti Nazionali e Internazionali

Lufthansa Cargo: licenziati 800 addetti.

17 Giugno 2016

Quali saranno le prossime “strategie” di Lufthansa Cargo?
Servirà la recente intesa con la giapponese ANA Cargo?

A distanza di poco meno di due mesi dalle ultime dichiarazioni del Ceo di Lufthansa Cargo, Peter Gerber, sulle strategie messe in atto per far fronte alla crisi, è arrivato l’annuncio del licenziamento di 800 persone, 500 delle quali lavorano in Germania, e di un taglio di più del 17% della forza lavoro di Lufthansa Cargo, che attualmente conta 4.600 addetti.

Una scelta che dovrebbe generare un risparmio di 55 milioni di euro ogni anno per un obiettivo dichiarato dall’azienda di ottenere un risparmio totale di circa 80 milioni di euro.
Dopo la riduzione della flotta operata nel 2015, quindi, ora è il momento del personale.

Un piano di riduzione del personale, che – a detta della compagnia – rientra nel programma Cargo Evolution, sostenibile dal punto di vista sociale.
Nel 2015 Lufthansa Cargo ha visto una forte calo degli introiti: l’EBIT (Earnings before Interests and Taxes) è diminuito del 40% rispetto all’anno precedente, passando dai 123 milioni di euro del 2014 ai 74 del 2015.

Secondo l’azienda sono diversi i fattori che hanno contribuito a una simile crisi: dalla forte concorrenza ai numerosi scioperi, dalle turbolenze del mercato cinese al dollaro forte.
Per quanto riguarda la flotta, oggi restano solo 5 Boeing 777F e 12 (vecchi ma ancora utili) MD-11.
Altri due MD-11 sono stati messi a terra in attesa di una improbabile ripresa nei prossimi mesi.





A proposito di Trasporti Nazionali e Internazionali