Un forum per approfondire concretamente le strategie europee per il Corridoio adriatico.




Trasporti Nazionali e Internazionali

Ancona nodo di sviluppo per la Macroregione Adriatico Ionica.

15 Febbraio 2016

Al Forum promosso dall’associazione “Le Cento Città” e dallo Iai (Iniziativa Adriatico Ionica), si è parlato della strategia europea per la macroregione Adriatico Ionica e si è sottolineata l’importanza che potrebbe ricoprire Ancona, visto che le Marche hanno la possibilità di far dialogare le due sponde dell’Adriatico, per ricercare occasioni comuni di crescita, sviluppo e lavoro.

Nel suo intervento il presidente Luca Ceriscioli ha affermato che ormai si è in dirittura d’arrivo per il primo atto che trasmetterà concretezza ad un lungo percorso, riferendosi all’adozione da parte dell’Unione Europea della strategia Eusair, e ha continuato dicendo che è necessario fare in modo che “il Corridoio adriatico non sia solo una questione fra Marche, Abruzzo e Puglia, ma diventi un’infrastruttura che serva un’area più grande nei collegamenti e nella logistica.

Opportunità che passano attraverso la realtà di Ancona, dove lo stesso porto – oggi già Autorità portuale del Medio Adriatico – può rafforzare la sua vocazione a servizio di tutta la comunità regionale”.
Al termine del suo intervento, il presidente ha donato una medaglia della Regione all’ambasciatore in Italia della Repubblica di Croazia, Damir Grubisa.





A proposito di Trasporti Nazionali e Internazionali