Tra margini operativi negativi e sfide finanziarie, gli armatori di container affrontano un 2024 ricco di incognite. Scopriamo insieme le previsioni e le strategie in campo




Trasporti Nazionali e Internazionali

Trasporto container: in calo i margini operativi medi dei principali armatori

4 Aprile 2024

In un contesto globale segnato da incertezze, il settore del trasporto marittimo di container affronta una fase critica.
L’ultimo trimestre del 2023 ha visto i margini operativi dei principali armatori internazionali scendere al di sotto dello zero, raggiungendo un -3%.
Questo dato, rilevato dall’ultimo report di Alphaliner, evidenzia una situazione di difficoltà non osservata dal primo trimestre del 2018, con un margine nettamente inferiore alla media del -0,2% del decennio antecedente alla pandemia.

Un’analisi approfondita: i dati di Alphaliner

Secondo Alphaliner, la performance negativa del settore riguarda le nove principali compagnie di trasporto container che pubblicano i propri risultati finanziari su base trimestrale, escludendo il leader del settore, Msc, noto per la sua politica di non divulgazione dei dati economici.
Questo declino nei margini operativi è particolarmente significativo in quanto sei delle nove compagnie analizzate hanno riportato perdite operative nell’ultimo trimestre del 2023, incluso per la prima volta attori di rilievo come Hapag-Lloyd e One.
Nonostante questo, l’analisi di Alphaliner mostra che il margine operativo medio è rimasto positivo durante l’anno, attestandosi intorno al 4%.
Questo indica che, nonostante le sfide attuali, alcune grandi compagnie sono riuscite a mantenere una marginalità superiore rispetto al 2019.
Tuttavia, è importante notare che aziende come Zim e le taiwanesi Yang Ming e Wan Hai Lines hanno registrato perdite operative per l’intero anno, segnalando una situazione di deficit operativo preoccupante.
Tra le varie compagnie, Maersk, il secondo maggiore armatore di linea al mondo, ha mostrato il margine operativo più basso nel quarto trimestre del 2023, con un -12,8%.
Nonostante ciò, l’azienda è riuscita a chiudere l’anno con un risultato positivo del 6,6%, dimostrando una resilienza notevole in un periodo di turbolenze per il settore.

Verso un 2024 di incertezze

L’attuale scenario economico globale, complicato da tensioni geopolitiche, rende particolarmente arduo prevedere l’evoluzione del settore nei prossimi mesi.
Le parole di Peter Sand, capo analista di Xeneta, riflettono la preoccupazione generale: affrontare le sfide finanziarie sarà cruciale per gli armatori.
Tuttavia, la capacità di adattamento e le strategie operative potrebbero fare la differenza nel navigare le acque turbolente dell’industria del trasporto container.

Vuoi conoscere in anteprima le notizie pubblicate su Logisticamente.it?
Ricevi la newsletter gratuita per rimanere aggiornato sulle ultime novità del mondo della logistica





A proposito di Trasporti Nazionali e Internazionali