Questo sito richiede JavaScript per funzionare correttamente. Si prega di abilitare JavaScript nel browser e ricaricare la pagina.
L'industria della moda si sposta: Tom Ford porta la logistica in Italia

Il gigante della moda Tom Ford sposta le sue attività logistiche dalla Svizzera all’Italia, alimentando un trend che potrebbe svuotare la "fashion valley" svizzera. Scopri perché questa decisione potrebbe rivoluzionare il settore della moda e della logistica




Outsourcing

L’industria della moda si sposta: Tom Ford porta la logistica in Italia

1 Agosto 2023

In un mondo della moda sempre più dinamico, un altro colosso del settore ha fatto una mossa significativa. Dopo il trasferimento di Kering a Trecate, Tom Ford ha traslocato e sue operazioni logistiche dalla Svizzera all’Italia.
Questo, insieme ad altri trasferimenti di note case di moda come Armani e LGI-International, potrebbe rappresentare l’inizio di una tendenza che vede le aziende lasciare la “fashion valley” svizzera a favore dell’Italia.
Nonostante queste partenze significative, l’associazione di categoria Ticino Moda rifiuta l’idea che il settore sia in crisi sottolineando che ci sono aziende in crescita e che l’industria della moda, nel complesso, resiste a questi cambiamenti.

Le ragioni dei trasferimenti

Un fattore chiave per le aziende di questo settore, anche alla luce della crescita dell’eCommerce, è la distribuzione: le merci prodotte negli stabilimenti svizzeri hanno come meta soprattutto Italia e paesi Ue, ma negli ultimi anni, i tempi di rifornimento dei punti vendita si sono considerevolmente allungati. Spostando le operazioni in Italia, le aziende contano di ridurre i tempi di consegna.

Un altro motivo riguarda le esportazioni di prodotti di lusso.
L’Italia, come membro dell’Unione Europea, ha accordi vantaggiosi con paesi come il Giappone, la Corea e il Canada, che non si applicano quando la merce proviene dalla Svizzera.
Infine, c’è una questione legata ai dazi.
Le merci non preferenziali subiscono dazi doganali quando vengono importate in Svizzera, ma non in Italia.
Il trasferimento in tal senso contribuisce ad eliminare il costo di una doppia operazione doganale.
Alcuni osservatori ritengono che un altro problema principale è rappresentato dall’elevata tassazione della Svizzera.
Tuttavia, la questione rimane controversa, con diversi punti di vista che si scontrano su quest’argomento delicato nel mondo della moda e della logistica.

Industria tessile nel 2022: logistica e produzione al centro dello scenario post-pandemico

Come evidenziato dallo studio “The State of Fashion 2022“, realizzato da McKinsey, l’industria tessile è pronta a una potenziale ripresa, fortemente penalizzata da due anni di crisi.
Le previsioni indicano un possibile rinnovamento con un incremento tra il 3% e l’8% rispetto ai dati pre-pandemici del 2019.

Un altro elemento a rafforzamento del settore è rappresentato dal fenomeno del nearshoring, rivalutato dopo periodi di enfasi sulla delocalizzazione per questioni economiche.
L’adozione di questa strategia sottolinea l’importanza di un controllo più vicino dei punti cruciali della catena di fornitura.
Lo studio rivela che, nel 2022, oltre il 70% delle aziende di moda ha progettato di riportare più vicino la produzione e il 25% di spostare l’approvvigionamento, almeno per le parti strategiche, nei paesi della loro sede principale.
Si evidenzia anche la necessità di un’attenta gestione delle di risorse magazzino, considerando che la sovrabbondanza delle scorte può pesare finanziariamente, influenzando aspetti come costi di stoccaggio, affitti, tasse, costi del lavoro e creazione di valore.
Una gestione ottimizzata dell’inventario è essenziale per evitare un eccesso di merce e organizzare il suo movimento in linea con la domanda.
Si suggerisce inoltre l’importanza di adottare tecniche e strumenti di previsione per determinare le esigenze dei vari mercati/punti vendita e analizzare i dati assortimento per garantire costante coerenza con le aspettative dei clienti.

Vuoi conoscere in anteprima le notizie pubblicate su Logisticamente.it?
Ricevi la newsletter gratuita per rimanere aggiornato sulle ultime novità del mondo della logistica





A proposito di Outsourcing