Come sfruttare la logistica inversa e migliorare i profitti? Ecco quattro analisi chiave della supply chain per valorizzare al massimo la reverse logistics. Scopri di più




Non si può non sapere

Come misurare e valutare il sistema di logistica inversa? Ecco 4 analisi da effettuare

4 Ottobre 2022

La logistica inversa riferisce al monitoraggio del ciclo di vita dei prodotti dopo il loro arrivo al consumatore finale.
Ciò può includere il modo in cui il prodotto può essere potenzialmente riutilizzato, il modo in cui deve essere smaltito correttamente dopo l’uso e qualsiasi altro modo in cui il prodotto scaduto può creare valore.
Essa ha un impatto diretto sulle supply chain ed è la restituzione dei prodotti dal consumatore finale al produttore.
Nel resto dell’articolo vi spiegheremo meglio questo processo e i modi in cui sfruttarlo a vantaggio dell’azienda.

Il ritorno della merce venduta

La maggior parte delle catene di fornitura smette di misurare il successo delle proprie merci una volta che il prodotto viene spedito e consegnato in tempo.
Anche se questa può essere una misura accurata della soddisfazione del cliente e del profitto, non tiene conto di tutti i casi.
Cosa succede se il cliente riceve un ordine incompleto? Se ritiene che l’articolo ordinato non corrisponda alla descrizione del prodotto? O se il cliente cambia idea sull’acquisto? In tutti e tre questi probabili scenari, la restituzione del prodotto si qualifica come logistica inversa.
Pensate alle diverse fasi che un prodotto restituito attraversa in azienda.

Queste potrebbero includere:

  • La spedizione fisica del prodotto restituito.
  • Test di qualità del prodotto restituito per replicare l’errore o identificare il difetto.
  • La documentazione di eventuali problemi con l’articolo restituito.
  • Lo smontaggio, la riparazione e il riciclaggio degli articoli restituiti e il processo e il tempo necessari per rifornire i prodotti.

La gestione del viaggio inverso del prodotto nella catena di fornitura può aiutare a evitare di commettere due volte lo stesso errore e a riutilizzare il maggior numero possibile di componenti del prodotto.

Monitoraggio del flusso della logistica inversa nella catena di fornitura

Esistono quattro analisi chiave della supply chain che possono aiutare a capire il flusso dei prodotti resi che entrano nella catena di fornitura.

Esse sono le seguenti:

  1. Volume. Vengono restituiti sempre gli stessi articoli? Questo avviene in grandi volumi? Se si risponde affermativamente a una di queste domande, probabilmente il problema è più grave di qualche unità difettosa. Potrebbe essere necessario prendere in considerazione un richiamo o una revisione del processo di produzione.
  2. Percentuale delle vendite. Qual è la percentuale delle vendite che si perde a causa dei resi dei prodotti? E quanti di questi prodotti possono essere reinseriti nella catena di fornitura attraverso la logistica inversa? Secondo uno studio di Aberdeen Group, un’azienda manifatturiera media spende dal 9% al 15% del fatturato totale per il processo di restituzione. Cosa si può fare per ridurre al minimo queste perdite di fatturato? Come si può ottenere un profitto su un prodotto sciolto?
  3. Condizioni in cui il prodotto viene restituito. Il prodotto si guasta dopo un’operazione specifica? È possibile determinare eventuali schemi di guasto tra i prodotti restituiti? In questo caso sono importanti la garanzia di qualità (QA) e la riproduzione degli errori. Si vuole capire cosa è andato storto, in modo da poter adattare e correggere il problema prima che si ripeta.
  4. Valore finanziario. Senza monitorare e gestire la logistica inversa, l’azienda potrebbe perdere milioni di euro in valore potenziale. Si pensi ai prodotti elettronici difettosi che vengono restituiti al produttore.

I vantaggi di un sistema efficiente di logistica inversa

Sebbene molte aziende considerino il processo di restituzione come un male necessario, le aziende che implementano un efficace flusso di lavoro di logistica inversa possono raccogliere diversi benefici.
Alcuni di questi vantaggi sono:

  • Riduzione dei costi. Pianificando in anticipo le restituzioni e preparando correttamente l’ordine di restituzione, è possibile ridurre i costi correlati (amministrazione, spedizione, trasporto, assistenza tecnica, QA, ecc.)
  • Servizio più rapido. Si riferisce alla spedizione originale della merce e alla restituzione/rimborso della merce. La rapidità del rimborso o della sostituzione della merce può contribuire a ripristinare la fiducia del cliente nel marchio.
  • Fidelizzazione del cliente. La gestione degli errori è importante quanto la realizzazione delle vendite. Se un cliente ha avuto una brutta esperienza con un prodotto, bisogna rimediare. Gli errori di evasione possono creare opportunità di formazione. Bisogna imparare come mantenere i clienti felici e fidelizzati all’azienda, anche dopo aver commesso un errore.
  • Riduzione delle perdite e dei profitti non pianificati. È possibile recuperare la perdita dell’investimento nel prodotto fallito riparando e rifornendo l’unità, rottamandola per ricavarne i pezzi o riproponendola in un mercato secondario.





A proposito di Non si può non sapere