Lo studio sul mondo delle consegne di food fotografa il settore in crescita




Trasporti Nazionali e Internazionali

E-commerce: il food delivery tocca i 575 milioni

28 Ottobre 2016

La formula del food delivery, dopo il primo impatto mondiale, comincia ad espandere i propri confini anche in Italia.

A confermarlo i grandi nomi coinvolti nel settore della ‘ristorazione a domicilio‘: Eataly, Prime Now di Amazone e Supermercato24, con l’importante aggiunta in questi giorni di UberEATS, che porta l’infrastruttura di Uber nel mondo del food italiano, e più specificamente a Milano.
I numeri del comparto, come rilevato dall’Osservatorio eCommerce B2c Netcomm e Politecnico di Milano, sono arrivati a toccare in rete il valore di 575 milioni di euro, crescendo del 30% quest’anno rispetto al 2015.

L’andamento del settore, che si affianca ad un incremento generale degli acquisti online (in Italia i web shopper sono all’incirca 19 milioni quest’anno) è riconducibile a varie tipologie di distributori:

  • I grandi supermercati online (Carrefour, Esselunga, Tigros)
  • Le grandi Dot come ad esempio Amazon
  • Le vendite private e marketplace, dov’è possibile accedere a prodotti enogastronomici più specializzati.

Al centro del gradimento dei clienti, come prevedibile, l’Osservatorio individua oltre alla qualità, la velocità e la flessibilità della consegna.





A proposito di Trasporti Nazionali e Internazionali