Trasporti nazionali e internazionali

Hupac: +0,5% nelle spedizioni stradali.

03 febbraio 2015
Lo scorso anno l'operatore svizzero di trasporto combinato Hupac ha trasportato su rotaia un totale di 660.109 spedizioni stradali, con un incremento del +0,5% sull'anno precedente.
Nel core business del trasporto transalpino attraverso la Svizzera, Hupac ha potuto mantenere i propri volumi.

Il trasporto attraverso l'Austria ha registrato un calo (-8,0%), mentre nel trasporto non transalpino è stato possibile ottenere un aumento del 5,7% grazie a nuovi collegamenti.
Per il 2015 Hupac prevede che la domanda rimanga stabile.
«Fattori d'insicurezza - ha specificato l'operatore elvetico - sono l'attuale calo del prezzo del diesel, che favorisce il trasporto merci su strada, e la nuova parità euro/franco, che va a scapito della competitività dell'offerta di traffico attraverso la Svizzera».

Intanto, su invito della Hupac, i rappresentanti di un centinaio di imprese di trasporto e di logistica di tutta Europa hanno visitato il cantiere del tunnel di base del Gottardo, il tunnel lungo 57 chilometri che consentirà di attraversare in piano le Alpi e migliorare le condizioni di produzione per il trasporto su rotaia.
«I lavori di costruzione - ha confermato l'amministratore delegato del costruttore AlpTransit, Renzo Simoni - procedono secondo programma».

La costruzione del tunnel ferroviario più lungo del mondo è già stata completata, mentre l'installazione delle componenti tecniche ferroviarie ha superato il 90%.
«A breve - ha commentato il direttore di Hupac, Bernhard Kunz - la logistica europea potrà approfittare della nuova infrastruttura».
Sottolineando che ciò determinerà nuove condizioni quadro sull'asse Rotterdam-Genova, Kunz ha ricordato che il settore, però, dovrà adattarsi a nuove condizioni: due anni dopo l'apertura del tunnel di base del Gottardo, infatti, i contributi d'esercizio concessi dalla Svizzera per il trasporto combinato transalpino verranno ridotti, e nel 2024 del tutto eliminati.

Un fattore chiave - per l'azienda elvetica - sono i prezzi delle tracce: «Abbiamo bisogno - ha spiegato Kunz - di un sistema di prezzi delle tracce armonizzato sull'asse nord-sud attraverso la Svizzera, con chiari incentivi a favore dei treni pesanti».
Hupac ha ammonito che, se invece il miglioramento della produttività verrà assorbito dal prezzo delle tracce, non sarà possibile compensare la riduzione dei contributi d'esercizio e la ferrovia perderà in competitività rispetto alla strada.


Altri articoli per Trasporti nazionali e internazionali

Ultimi articoli per Trasporto

Trasporti nazionali e internazionali

Mise: al via Smart Mobility un bando da 20 mln su trasporti e mobilità

01 luglio 2020
Servizi e accessori per il trasporto

Trasporto merci: il nuovo E-Ducato al servizio Mercitalia Logistics

25 giugno 2020
Trasporti nazionali e internazionali

Logistica e trasporti: un valore che si muove tra territorio e lavoro

24 giugno 2020
Trasporti nazionali e internazionali

DL Semplificazioni: ecco le proposte di Confetra al Governo

22 giugno 2020
Servizi e accessori per il trasporto

Amazon, il gigante dell’e-commerce, investe sulla guida autonoma

16 giugno 2020
Servizi e accessori per il trasporto

Le spedizioni delle merci sono sempre più digitali

09 giugno 2020

Video

Vedi tutti
Dalle Aziende

Conad Nord Ovest, la sfida vinta con Modula

11 maggio 2020
Eventi e Workshop
Logisticamente Out: il workshop in 60 secondi
29 maggio 2019
Interviste
La transpologistica - Global Summit
01 dicembre 2017

Newsletter

Iscriviti alle nostre newsletter!

Ricevi gratuitamente informazioni e aggiornamenti in materia di logistica, trasporti, magazzino.

Seguici su Twitter

@logisticamente