Il terminalista genovese è pronto a investire in Toscana: accordi con un gruppo anglo-olandese per il traffico di cellulosa e alluminio.




Trasporti Nazionali e Internazionali

Aldo Spinelli nel nuovo porto di Piombino.

18 Maggio 2015

Mancano ancora i dettagli dell’operazione, ma Aldo Spinelli è pronto a investire nel nuovo porto di Piombino con la gestione dei traffici di cellulosa e alluminio, servendosi di uno dei principali operatori del settore, un’azienda anglo-olandese che già opera in questo mercato nel Nord Europa. A settembre è in programma una riunione con il socio e i vertici del porto per fare il punto dei lavori dello scalo.

Il porto di Piombino, che già offre numerosi vantaggi per la logistica delle cartiere della Toscana, sta per essere potenziato con i lavori di ampliamento previsti: Spinelli potrebbe così usufruire di una infrastruttura completamente rinnovata.

Il terminalista vive un momento positivo anche sul fronte dei traffici del Terminal Rebora di Genova: “Abbiamo una nuova linea da fine aprile, operata da Cma-Cgm con Marfret, che ha già portato due navi nelle nostre banchine”, conferma il numero uno del gruppo.
Il nuovo servizio, che tocca anche Genova, porta i contenitori in Messico, garantendo tra i 10 e i 15 mila teu in più all’anno.





A proposito di Trasporti Nazionali e Internazionali