Individuati dieci bacini di traffico omogeneo, con distanza massima di 2 ore di percorso.




Trasporti Nazionali e Internazionali

Aeroporti: nuovo sistema di alleanze.

24 Febbraio 2015

Roma Fiumicino, Milano Malpensa, Venezia e 9 aeroporti strategici inseriti nella “core network” europea: è questa la mappa degli scali aeroportuali italiani definita dallo schema di decreto presentato dal ministro delle Infrastrutture Maurizio Lupi, che lo scorso 19 febbraio ha ricevuto l’ok in conferenza Stato-Regioni.

La mappa indicata dal provvedimento governativo individua dieci bacini di traffico omogeneo, determinati in base al criterio di una distanza massima di 2 ore di percorso in auto da un aeroporto di particolare rilevanza strategica: 1) Nord-Ovest, 2) Nord-Est, 3) Centro-Nord, 4) Centro Italia, 5) Campania 6) Mediterraneo-Adriatico, 7) Calabria, 8) Sicilia Occidentale 9) Sicilia Orientale, 10) Sardegna.

All’interno di ciascuno di questi bacini sono stati individuati i tre aeroporti strategici intercontinentali (Roma Fiumicino, Milano Malpensa, Venezia) e i seguenti nove aeroporti strategici inseriti nella core network europea: Napoli, Bari, Lamezia Terme, Palermo, Catania, Cagliari, Bologna, Torino Caselle e lo scalo “unico” Pisa/Firenze.

In particolare, la qualifica di scalo strategico di Pisa-Firenze è condizionato alla realizzazione della gestione unica.
Condizione poste anche a carico dello scalo di Torino Caselle che, per guadagnarsi i galloni di scalo strategico, dovrà realizzare «in relazione alle interconnessioni ferroviarie AV/AC tra le città di Torino e Milano, un sistema di alleanze con l’aeroporto intercontinentale di Milano Malpensa finalizzato a generare sinergie di sviluppo reciproco e dell’intero bacino del Nord Ovest».





A proposito di Trasporti Nazionali e Internazionali