Il più grande assalto alla criminalità in Europa ha passato a setaccio i porti italiani.




Trasporti Nazionali e Internazionali

Archimedes: operazione senza precedenti.

25 Settembre 2014

Oltre mille persone arrestate e 599 kg di cocaina, 200 kg di eroina e 1,3 tonnellate di cannabis sequestrate.
È il risultato dell’operazione europea “Archimedes“, condotta dal 15 al 23 settembre dalle forze di polizia di 34 Paesi e coordinata dall’Europol.

L’operazione ha interessato circa 250 luoghi in tutta l’Unione Europea e alcune frontiere esterne.
L’attività, nel complesso, ha registrato la partecipazione di oltre mille operatori delle agenzie di polizia dei 28 Stati membri e di Paesi terzi come Australia, Colombia, Norvegia, Serbia, Stati Uniti e Svizzera; con il supporto di agenzie e organizzazioni internazionali (Eurojust, Frontex e Interpol).7

Le azioni hanno interessato aeroporti, settori di frontiera terrestre, porti e città, consentendo l’arresto complessivamente di 1027 persone, il sequestro di ingenti quantità di sostanza stupefacente, l’individuazione di merci e medicinali contraffatti.

L’operazione in Italia – coordinata dalla Direzione centrale dell’Immigrazione e della Polizia delle Frontiere – ha interessato contemporaneamente i porti di Trieste, Venezia, Ancona, Bari e Brindisi, nonché i settori transfrontalieri di Trieste, Gorizia e Tarvisio.

L’operazione si è inserita nell’ambito della lotta alla contraffazione delle merci della Guardia di Finanza e l’Arma dei Carabinieri (Nas), con il supporto delle Dogane: sono stati effettuati nel porto di Napoli 44 controlli a containers, molti dei quali tuttora sottoposti a visita doganale.





A proposito di Trasporti Nazionali e Internazionali