Questo sito richiede JavaScript per funzionare correttamente. Si prega di abilitare JavaScript nel browser e ricaricare la pagina.
Spedizione via mare di merci pericolose: best practices sulla segnalazione dei container

Scopri quali sono gli aspetti da considerare per effettuare la spedizione via mare di merci pericolose in modo conforme e corretto con Serpac




Trasporti Nazionali e Internazionali

Spedizione via mare di merci pericolose: best practices sulla segnalazione dei container

24 Maggio 2024

(Comunicato stampa)

I carichi di merci pericolose, tra cui per esempio esplosivi, liquidi infiammabiliprodotti chimici e batterie al litio, richiedono attenzioni particolari sia durante la preparazione della spedizione come anche durante il trasporto, lo scopo è garantire la sicurezza di persone, proprietà, ambiente e di tutto ciò che è coinvolto.
Il Codice Internazionale per il Trasporto di Merci Pericolose via Mare (IMDG) elenca una serie di norme rigorose per l’imballaggio e la segnalazione delle merci pericolose trasportate all’interno dei container.

È bene ricordare come la corretta segnalazione di container con placche e pannelli conformi ai regolamenti sia cruciale per agevolare un eventuale intervento tempestivo delle squadre di emergenza e permettere loro di identificare e gestire adeguatamente possibili rischi in caso di incidenti.
L’elevato impiego di risorse per spedire in conformità con l’IMDG spinge alcune aziende a non dichiarare correttamente il contenuto dei carichi pensando in questo modo di semplificare le procedure.
In realtà questa pratica non solo è chiaramente illegale, ma aumenta notevolmente il pericolo di incidenti in mare, con possibili conseguenze disastrose sia per l’equipaggio, sia per l’ambiente marino e in casi estremi si parla anche di attentato alla navigazione.

La linea guida sulla segnalazione dei container

Prendendo ad esempio la spedizione via mare di un container caricato con merci pericolose in piena regolamentazione appartenenti alla stessa classe di pericolo in quantità inferiore a 4000 kg, la segnalazione del container dovrà essere eseguita applicando la placca di pericolo della classe corrispondente su tutti e 4 i lati.
Qualora invece sia necessario segnalare un container caricato con più di 4000 kg di merci pericolose in piena regolamentazione dello stesso numero ONU (eccetto della classe 1), oltre alla placca di pericolo, dovrà essere apposto sui 4 lati del container anche il numero ONU all’interno del pannello arancione 300×120 oppure all’interno della placca di pericolo.

La placcatura e marcatura di un container deve rispettare quanto indicato dal codice IMDG e devono essere utilizzati solo prodotti conformi a tutte le richieste del regolamento, come per esempio la capacità di etichette, placche e marchi di resistere ad immersione di 3 mesi in acqua marina.
Negli Stati Uniti varie organizzazioni no-profit hanno intensificato le ispezioni dei container presso dogane e frontiere per combattere le frodi di carico e diminuire il rischio di incidenti.
Queste misure sono vitali per mantenere l’integrità del trasporto marittimo e proteggere le risorse naturali.

Il rispetto del codice IMDG non è solo una responsabilità legale di tutti gli operatori coinvolti nella spedizione via mare di merci pericolose, ma un imperativo etico che salvaguarda vite umane e preserva l’integrità dell’ambiente marino.
Una maggiore consapevolezza può significativamente trasformare il settore del trasporto marittimo in una direzione più sicura e sostenibile.

Un partner come Serpac ti sostiene e supporta nella scelta di tutto ciò che è necessario per spedire le tue merci pericolose via mare.
A partire dagli imballaggi omologati ONU, fino a etichette, placche e marchi di pericolo.
Un team di esperti è sempre pronto ad affiancarti per consigliarti e supportati per ogni esigenza specifica.

Per saperne di più visita il sito ufficiale di Serpac





A proposito di Trasporti Nazionali e Internazionali