L'Italia affronta una perdita di 12 miliardi di euro a causa delle disfunzioni logistiche globali e delle politiche UE. Scopri di più




Trasporti Nazionali e Internazionali

Crisi logistica e impatto economico: analisi del traffico marittimo e terrestre in Italia

6 Maggio 2024

Nell’ultimo anno, il settore logistico globale ha subito trasformazioni significative, con un impatto diretto sull’economia italiana.
I conflitti geopolitici, come la guerra di Gaza e le tensioni russo-ucraine, hanno alterato le rotte tradizionali del trasporto marittimo e terrestre, con riflessi negativi sul traffico agroalimentare nel Mediterraneo e sul traffico ferroviario Europa-Asia.

Guerra, blocco di Suez e lotta alla CO2: quale impatto sul traffico marittimo, autotrasporto e traffico ferroviario?

Il Canale di Suez, punto nevralgico per il commercio tra Asia ed Europa, ha visto una diminuzione del 20% nel traffico marittimo, principalmente a causa delle restrizioni imposte dal conflitto israelo-palestinese.
La situazione ha costretto molte navi a deviare per il Capo di Buona Speranza, allungando i tempi di viaggio e aumentando i costi operativi.
Inoltre, le politiche ambientali europee, come la tassa sulle emissioni di CO2, hanno portato a un incremento dei costi di trasporto, influenzando negativamente la competitività dei porti italiani rispetto a quelli extraeuropei.
Parallelamente, il settore del trasporto su gomma in Italia ha registrato una perdita di 12 miliardi di euro.
I blocchi nei valichi alpini e le ridotte attività nei porti italiani hanno limitato severamente la movimentazione delle merci, aggravando la situazione economica degli autotrasportatori italiani.
Questo contesto ha reso il trasporto terrestre meno efficiente e più costoso, con ripercussioni a catena su tutta l’economia nazionale.
In risposta alla crisi delle rotte marittime, si è assistito a un raddoppio delle rotte ferroviarie lungo i corridoi della Belt & Road.
Sebbene questa alternativa sia più costosa e offra una capacità di carico inferiore rispetto al trasporto marittimo, ha il vantaggio di ridurre significativamente i tempi di trasporto tra Europa e Asia.
Questo cambiamento sta richiedendo significativi investimenti infrastrutturali per espandere e migliorare le linee ferroviarie esistenti.

L’Italia, a fronte di questi cambiamenti, si trova a dover ripensare la propria strategia logistica per mitigare gli impatti economici e ambientali.
La sfida sarà quella di integrare in modo più efficace le diverse modalità di trasporto e di adattarsi rapidamente alle nuove dinamiche globali per mantenere la sua posizione nel commercio internazionale.

Vuoi conoscere in anteprima le notizie pubblicate su Logisticamente.it?
Ricevi la newsletter gratuita per rimanere aggiornato sulle ultime novità del mondo della logistica





A proposito di Trasporti Nazionali e Internazionali