Il 23 novembre 2023, Marco Giusti di Nolpal – Gruppo Casadei Pallet è stato nominato Logistico Dell’Anno 2023 da Assologistica




Unità di carico

Marco Giusti di NolPal premiato per il contributo alla legge 51 su EPAL

24 Novembre 2023

 

Il 23 novembre 2023, alla premiazione del Logistico dell’Anno 2023 organizzato da Assologistica, Marco Giusti di NolPalGruppo Casadei Pallets ha ricevuto il prestigioso riconoscimento.
Attivo fino al 2018 presso SGS e Bureau Veritas nelle attività di ispezione sulla qualità degli imballaggi in legno, responsabile tecnico della squadra di ispettori di EPAL Italia, Marco Giusti (secondo da destra) ha svolto attività anticontraffazione EUR, EPAL e FITOK, perizie legali e tecniche su parchi pallet aziendali ed è stato formatore tecnico; cinque anni fa è entrato in squadra presso NolPal come Asset Protection Manager.

Dalle attività inerenti alla conformità, è passato alla realtà del recupero, dei contenziosi, degli obiettivi economici e ambientali di un’azienda di noleggio e gestione per terzi: come è cambiata la sua professione?

In Nolpal ho avuto l’opportunità di entrare a contatto con la dura realtà del recupero pallet in differita, uno scenario a tratti paradossale e fuori controllo in cui l’abitudine del debitore a non restituire il bene-pallet era diventata la normalità.
Questo lavoro mi ha consentito di contribuire alla stesura di un testo che ristabilisce i diritti del creditore anche a distanza di tempo ma secondo poche e chiare regole.

Lei parla di chiarezza e sintesi del testo di legge: in che senso?

Sono due punti di forza che in NolPal viviamo ogni giorno, e questa attitudine a risolvere problemi è diventato un apporto concreto alla stesura.
Abbiamo lavorato con gli altri membri del gruppo per due anni, poi, dopo l’approvazione della Legge 51, un altro anno per la modifica alla legge, di prossima emanazione.

Così sono nati i 3 nuclei portanti della legge:

  1. Il voucher va emesso solo nel caso di impossibilità all’interscambio diretto e può avere anche un formato digitale;
  2. Il voucher non è uno scarabocchio illeggibile sui DDT di consegna, ma un documento specifico con determinate caratteristiche in cui si attesta il debito;
  3. Quel debito non ha scadenza e chi non restituisce il bene entro 6 mesi, poi lo deve pagare;

Qual è stata la maggior difficoltà?

La ricerca di un lessico chiaro e inequivocabile con un utilizzo preciso della terminologia tecnica che tenesse conto del maggior numero possibile di variabili e dinamiche operative e contemporaneamente impedisse ogni tentativo di aggirare il testo.
Con questa legge siamo riusciti, a mio avviso, a dare al pallet la dignità di prodotto che merita, che è poi l’atteggiamento alla base delle attività quotidiane di NolPal.

Quali i partner del tavolo di lavoro? E quali concetti lei ha contribuito a creare?

Per la quasi totalità ne facevano parte primarie aziende della logistica italiana dalle quali ho avuto molto da imparare: ho cercato di portare la mia competenza tecnica su EPAL e sull’interscambio, un sistema sul quale spesso risulta carente la formazione.
La principale istanza è stata il ripristino della legalità insieme a quello del valore economico: un pallet non restituito alimenta il circuito dei raccoglitori privi di licenza che alterano il prodotto irrimediabilmente dal punto di vista qualitativo e ne inficiano sicurezza e affidabilità.
Poi c’è l’aspetto fiscale non meno importante, che genera entrate non tracciabili ed evasione di imposte.

In che senso l’essere in squadra a NolPal ha arricchito il contributo dato al tavolo normativo?

L’obiettivo della legge 51 è speculare all’obiettivo di Nolpal, il cui core business è il noleggio: far tornare a casa il proprio asset è condizione imprescindibile.
Oltre a questo, normare l’interscambio differito ha consentito a Nolpal di lanciare il proprio Voucher 51 digitale conforme alla legge, su piattaforma open e gratuita.





A proposito di Unità di carico