Come l'innovazione digitale può contribuire a un futuro ecologico nei trasporti: le prospettive e le sfide secondo l'European Environment Agency. Scopri di più




Trend

La rivoluzione digitale come alleata per un sistema di trasporti più sostenibile

18 Maggio 2023

Il mondo dei trasporti è in continua evoluzione, con l’avvento delle tecnologie digitali che promettono di trasformare radicalmente il settore.
Ma in che modo la digitalizzazione può influenzare la sostenibilità dei trasporti in Europa?
L’European Environment Agency (EEA) ha recentemente pubblicato un rapporto che getta luce su questa questione cruciale, esplorando le opportunità e le sfide che la trasformazione digitale porta con sé.
In questo articolo, analizzeremo le principali conclusioni del rapporto, evidenziando come l’innovazione digitale possa contribuire a un futuro più ecologico nei trasporti, ma anche le sfide che ci attendono.

La Trasformazione Digitale e la Sostenibilità nei Trasporti

La digitalizzazione può essere una potente leva per promuovere trasporti più sostenibili in Europa.
Lo afferma il “Transport and environment report” diffuso dall’European Environment Agency (EEA).
Le tecnologie digitali, se ben implementate, possono contribuire a limitare gli impatti negativi del settore della mobilità, dalla contaminazione atmosferica, al rumore, agli incidenti stradali, alla congestione del traffico, fino alla frammentazione degli habitat e all’incremento delle emissioni di gas serra.
L’European Green Deal punta a un taglio del 90% delle emissioni legate ai trasporti entro il 2050. Tuttavia, la decarbonizzazione del settore trasporti rimane una sfida complessa.
Il report dell’EEA evidenzia l’importanza della digitalizzazione nel sistema di mobilità europeo, una componente cruciale dell’economia UE e indispensabile per il soddisfacimento di diverse esigenze sociali vitali.

Digitalizzazione e Innovazione per la Mobilità Futura

La trasformazione digitale della società sta modificando anche il funzionamento del sistema di mobilità europeo, aprendo la via a una maggiore sostenibilità del settore.
Secondo l’AEA, l’innovazione digitale può incidere sull’efficienza dei trasporti, sulle infrastrutture, sulle esigenze energetiche e sulle politiche, ma i suoi effetti sono ancora incerti e dipendono fortemente dall’evoluzione della domanda di trasporto.
La digitalizzazione del sistema di mobilità genera un’ampia mole di nuovi dati e informazioni.
Questi possono essere sfruttati per sviluppare politiche più efficaci e mirate, per sostenere la transizione verso un sistema di mobilità più sostenibile ed equo.
Inoltre, la mobilità automatizzata dovrebbe migliorare la sicurezza e l’accessibilità del trasporto passeggeri e potrebbe essere utilizzata per promuovere la mobilità collettiva e condivisa.

Le Sfide del Futuro: Tra Opportunità e Incertezze

Tuttavia, restano numerose incertezze su questi sviluppi.
I costi inferiori ottenuti attraverso l’automazione potrebbero far aumentare la domanda di trasporti.
L’EEA evidenzia come nuove tecnologie possono ottimizzare la logistica, ma possono anche innescare un ulteriore aumento della domanda, che potrebbe neutralizzare qualsiasi beneficio ambientale.
L’EEA ha diffuso anche un briefing sul telelavoro e la sua sostenibilità.
Nonostante le potenzialità di questa modalità lavorativa, il suo impatto ambientale rimane incerto a causa di potenziali effetti di rimbalzo significativi.
L’EEA avverte che questi cambiamenti nelle modalità di lavoro possono portare a complicazioni e potenziali effetti rimbalzo.
Il briefing esplora solo alcuni di questi aspetti e sottolinea la necessità di studi approfonditi e proattivi per valutare gli impatti potenziali del lavoro ibrido sulla nostra società, salute e ambiente.

Lavoro Ibrido e Impatto Ambientale: Un Bilancio Incerto

Studi recenti sul trasporto rivelano che il lavoro ibrido potrebbe avere solo effetti positivi limitati sull’ambiente e sull’inquinamento.
Tuttavia, il briefing suggerisce anche la possibilità di un cambiamento comportamentale più profondo o indiretto, come la riduzione degli spazi per uffici o la suburbanizzazione, che potrebbe derivare da un’adozione su larga scala del lavoro ibrido e del telelavoro.

Verso un Nuovo Equilibrio tra Lavoro e Vita Privata

L’EEA conclude sottolineando come il passaggio al lavoro ibrido ha messo in luce come l’equilibrio tra lavoro e vita privata e la connessione con uno spazio di lavoro fisico possano essere messi in discussione da eventi esterni e dalla necessità di adattarsi a una “nuova normalità”.
Questo, se combinato con risposte politiche strategiche, potrebbe aiutarci a rivedere la nostra dipendenza dal pendolarismo e dai nostri stili di vita incentrati sull’auto.
Inoltre, potremmo ripensare alcuni aspetti della nostra vita quotidiana che sembravano ben consolidati solo un paio di anni fa, in particolare quelli che limitano le nostre prospettive per un futuro più sostenibile.

Vuoi conoscere in anteprima le notizie pubblicate su Logisticamente.it?
Ricevi la newsletter gratuita per rimanere aggiornato sulle ultime novità del mondo della logistica





A proposito di Trend