Questo sito richiede JavaScript per funzionare correttamente. Si prega di abilitare JavaScript nel browser e ricaricare la pagina.
Ecco le 7 sfide principali del settore logistico per il 2023

Alla scoperta delle sfide che il settore della logistica dovrà affrontare nel corso del 2023. Scopri di più




Non si può non sapere

Ecco le 7 sfide principali del settore logistico per il 2023

7 Febbraio 2023

Il settore della logistica è pronto per una recessione nel 2023? Molti economisti di tutto il mondo prevedono un continuo rallentamento economico dovuto a una combinazione di fattori.
L’analisi dei dati risolverà molte delle sfide del settore, che punta a soluzioni rapide.
I responsabili della supply chain devono monitorare i tempi di consegna e l’affidabilità della distribuzione per mantenere la soddisfazione dei clienti.

Quali sono le principali sfide del settore logistico per il 2023?

1. Prepararsi ad affrontare le incertezze economiche

La sfida più grande per il settore logistico nel 2023 è forse quella di prepararsi ad affrontare le incertezze economiche dovute alle interruzioni della supply chain, all’aumento dei tassi di interesse e alla contrazione dei consumi.
L’aumento dei prezzi del carburante ha un impatto drammatico sulle aziende di logistica, che devono esplorare alternative nella programmazione e nell’instradamento per ridurre le spese di trasporto.
I costi di trasporto delle scorte potrebbero continuare ad aumentare a causa della volatilità dei prezzi del petrolio e dell’incertezza delle condizioni della catena di approvvigionamento, compresi gli elevati costi di stoccaggio.
I cambiamenti climatici causati da forti tempeste e altri disastri naturali aggiungono ulteriore incertezza all’equazione.
I nuovi rivenditori stanno entrando nel mercato in un momento in cui i costi di magazzino sono in aumento, dato che i prezzi degli affitti industriali sono cresciuti di quasi il 15% nell’ultimo anno.
I marchi globali che dipendono dalla Cina per i rifornimenti subiscono spesso carenze di approvvigionamento a causa degli uragani e delle ondate di calore legate al cambiamento climatico.
Tuttavia, nonostante il quadro economico complessivamente negativo, molti responsabili della supply chain ritengono che le peggiori interruzioni della catena di approvvigionamento siano finite e si aspettano che il mercato globale si normalizzi entro un anno.

2. Sicurezza informatica e violazioni dei dati

Nel 2022 le aziende di ogni tipo e dimensione hanno continuato a subire attacchi informatici, rendendo la protezione dei dati una delle principali sfide del settore logistico per il 2023.
Le violazioni dei dati possono portare a perdite di informazioni e cause legali da parte di clienti o partner i cui dati finanziari riservati sono stati compromessi.
Una soluzione chiara è quella di affidarsi a un’azienda IT esperta e aggiornata sulle ultime minacce informatiche e sulle soluzioni di cybersecurity.

3. Mantenere l’organizzazione dei magazzini

I magazzini sono stati potenziati dalla tecnologia digitale per mantenere l’inventario in ordine, ma è ancora necessario affidarsi al lavoro umano per eseguire correttamente le attività di carico e scarico.
L’assunzione di nuovi talenti non addestrati può portare rapidamente alla disorganizzazione se la gestione del magazzino deve concentrarsi sul monitoraggio delle prestazioni dei lavoratori.

4. Contrastare la carenza di manodopera

Tra le altre sfide principali del settore logistico per il 2023 c’è la persistente carenza di manodopera, che si prevede rimarrà problematica per i responsabili della supply chain, poiché le aziende di tutto il mondo devono riconoscere un cambiamento culturale nei valori dei lavoratori.
L’automazione aiuta a mitigare alcune di queste preoccupazioni, ma è anche possibile che la riduzione dei volumi delle attività di spedizione giochi un ruolo importante.
Tradizionalmente, i piccoli manager della supply chain hanno affrontato la carenza di manodopera aggiungendo mansioni al personale esistente, mentre le aziende più grandi hanno esternalizzato il lavoro.
Nell’attuale clima lavorativo, le aziende hanno dovuto adeguare i principi del posto di lavoro per riconoscere la necessità di un equilibrio tra lavoro e vita privata.
Che si tratti di aumentare il carico di lavoro del personale esistente o di esternalizzare, è un aspetto da tenere presente.

5. Abbracciare le tecnologie digitali emergenti

Una svolta importante per le aziende di logistica è stata la trasformazione del processo della supply chain in modo da renderlo più efficiente grazie alle soluzioni digitali.
L’avvento della visualizzazione dei dati ha già svolto un ruolo importante nell’aiutare le aziende di trasporto e di logistica a vedere più chiaramente il quadro generale.
Le piattaforme digitali non solo possono accelerare i processi logistici con l’automazione, ma possono anche tracciare i dati sulle prestazioni in termini di produzione, qualità e agilità.
I vantaggi per i fornitori che si orientano verso un’infrastruttura digitale includono l’accelerazione degli sviluppi innovativi, la riduzione del time-to-market e il taglio dei costi.
La tecnologia digitale porta a una maggiore efficienza operativa, migliorando in ultima analisi la puntualità delle consegne e la soddisfazione dei clienti.

6. Competere in un paradigma IoT in tempo reale

Solo qualche decennio fa, spesso ci volevano giorni, settimane o mesi per risolvere le difficoltà logistiche.
Oggi i problemi possono essere risolti in tempo reale, grazie ai sensori IoT che monitorano i processi di produzione e distribuzione.
L’IoT ha rivoluzionato gli impianti industriali in molti modi, tra cui quello di soddisfare le aspettative dei clienti con consegne il giorno stesso o il giorno successivo.
Le aziende logistiche che non investono nell’IoT e in altre tecnologie emergenti perderanno i loro vantaggi competitivi o saranno costrette ad affidare la distribuzione a un moderno partner logistico di terze parti (3PL).

7. Diventare più sostenibili

La storia sta iniziando a voltare pagina nei confronti delle organizzazioni che non riescono a ridurre la loro impronta di carbonio, in un’epoca in cui le normative ambientali e le preoccupazioni sociali sono in aumento.
Un modo in cui le operazioni di trasporto e logistica possono agire come leader della nuova era è quello di adottare soluzioni più ecologiche.
Una delle soluzioni emergenti per le aziende logistiche per ridurre le emissioni di carbonio è l’utilizzo di reti di punti di raccolta dei pacchi, che accorciano la distanza tra i clienti.
Un’altra soluzione più ecologica è l’acquisto di una flotta di veicoli elettrici (EV).

Gestire le interruzioni della catena di approvvigionamento e al tempo stesso soddisfare i clienti sarà una delle principali sfide del settore logistico per il 2023.
Investire nelle persone e nelle tecnologie giuste sarà fondamentale per le aziende di logistica per superare le pressioni economiche.





A proposito di Non si può non sapere