Questo sito richiede JavaScript per funzionare correttamente. Si prega di abilitare JavaScript nel browser e ricaricare la pagina.
Trasporti nazionali e internazionali: potenziamento per l'interporto di Trento

Presentato lo studio condotto da Eurac Reserch per la logistica intermodale: soluzioni e innovazioni da attuare




Trasporti Nazionali e Internazionali

Dal trasporto su gomma a quello su rotaia, potenziamento per l’Interporto di Trento

21 Maggio 2020

Smaltire il trasporto merci su gomma e traferirlo su rotaia, potrebbe essere la soluzione a molti problemi presenti in diverse regioni d’Italia. Un esempio è il Trenino Alto Adige, territorio esposto al continuo “stress da trasporto”.

Per offrire una migliore circolazione delle merci ed evitare l’aumento del traffico pesante all’interno della regione, il centro Eurac Reserch ha elaborato un’analisi che mette in luce le potenzialità del centro intermodale dell’interporto di Trento.

Lo studio, che fa parte del progetto Smartlogi finanziato dal Fondo europeo di sviluppo regionale e Interreg V-A Italia-Austria 2014-2020, ha lo scopo di potenziare la collaborazione tra Trento e Alto Adige per incentivare il trasporto combinato.

Secondo l’analisi condotta dall’Eurac Reserch, se da un lato il centro intermodale di Trento è in grado di offrire ottimi servizi, far sorgere invece un centro intermodale anche in Alto Adige, non è la soluzione migliore.
Quella parte di territorio, potrebbe trovarsi “schiacciato” a causa della vicinanza con nazioni forti, come Austria e Germania.

Puntare sull’interporto di Trento è dunque la soluzione più adatta, per migliorarlo esistono diverse modalità – spiegano i ricercatori – come ad esempio:

  • Adeguare le sagome dei treni agli standard europei;
  • Comporre i convogli in modo da evitare ritardi;
  • Adottare nuove soluzioni tecnologiche come l’installazione di sistemi GPS.

Una struttura adeguata, che riesce a trasferire le merci dai camion sui treni, è essenziale per portare avanti questo progetto. Le code e i ritardi che si registrano lungo l’A22 al confine con il Brennero sono eccessive.
Serve al più presto una soluzione efficace, spiegano i ricercatori di Eurac Reserch.





A proposito di Trasporti Nazionali e Internazionali