Presentati in conferenza stampa i punti della Green Strategy. La logistica settore chiave.




Servizi e accessori per il trasporto

Rivoluzione green per Poste Italiane.

9 Settembre 2015

Sono stati illustrati martedì 8 settembre durante la conferenza stampa di presentazione del meeting internazionale “Giustizia ambientale e cambiamenti climatici” i punti cardine della Green Strategy del Piano Industriale di Poste.

Tra gli obiettivi dell’azienda, avviata verso la quotazione in Borsa, l’innovazione nei settori chiave della logistica, dei pagamenti e del risparmio.
Investimenti, ad esempio, nel campo del commercio elettronico, settore che vede l’Italia ferma al 3% nella quantità di spedizioni, a fronte del 14% delle spedizioni nel Regno Unito, dell’8 % in Germania, del 6% in Francia e del 5% in Spagna, e sul versante ambientale, con una flotta già all’attivo di oltre mille veicoli elettrici, la più grande d’Italia.

“L’economia della sostenibilità, ossia la Green Economy, – ha dichiarato l’A.d. di Poste Italiane Francesco Caio – contiene una forte componente di tipo ambientale ma anche una forte componente economico-sociale.
In previsione della Conferenza Internazionale di Parigi siamo consapevoli dell’importanza della sfida dello sviluppo sostenibile e intendiamo fare la nostra parte per la tutela delle future generazioni”.





A proposito di Servizi e accessori per il trasporto