Completa digitalizzazione dello sdoganamento nel porto marchigiano.




Consulenza e Formazione

Parte lo Sportello Unico Doganale ad Ancona.

27 Febbraio 2014

Da giovedì 20 febbraio è in funzione nel porto marchigiano la completa digitalizzazione dello sdoganamento delle spedizioni extracomunitarie, che consente la semplificazione delle procedure doganali, un migliore controllo e una riduzione di costi per l’amministrazione e gli operatori.

L’avvio dello Sportello Unico Doganale è avvenuto grazie alla collaborazione tra l’Autorità Portuale e l’Agenzia delle Dogane, e permetterà agli spedizionieri di concludere le pratiche doganali prima che la nave giunga in porto.

“Lo Sportello Unico consente, infatti, un colloquio diretto tra le Amministrazioni e gli altri soggetti coinvolti nelle operazioni di import ed export, diminuendo la burocrazia, migliorando l’efficienza del processo complessivo e riducendo considerevolmente i tempi necessari per lo svincolo delle merci ed i costi sopportati dalle imprese”, spiega Rodolfo Giampieri, commissario dell’Autorità Portuale.

Il Direttore dell’Ufficio delle Dogane di Ancona, Michele Medici, sottolinea che questo nuovo strumento rende più razionali e veloci i controlli effettuati a vario titolo nell’ambito del processo di sdoganamento.

Ciò avverrà grazie alla single window, ossia la raccolta in un unico punto di tutte le richieste degli operatori per le autorizzazioni, e attraverso lo svolgimento – in un solo posto e in un solo momento – dei controlli di competenza di diverse autorità relativi alla medesima operazione doganale (one stop shop).





A proposito di Consulenza e Formazione