Questo sito richiede JavaScript per funzionare correttamente. Si prega di abilitare JavaScript nel browser e ricaricare la pagina.
Le merci viaggiano sull’alta velocità europea.

Lo scorso 20 marzo è stato effettuato il primo test da Lione a Londra con buoni risultati, anche se il progetto presenta ancora dei limiti.




Trasporti Nazionali e Internazionali

Le merci viaggiano sull’alta velocità europea.

28 Marzo 2012

Già si sapeva che le linee ferroviarie ad alta velocità sarebbero entrate nella fascia di massima competizione delle linee aeree, questo è per di più confermato dall’ultima idea proposta all’interno del progetto Euro Carex.

Sul territorio europeo, infatti, verrà a breve avviato un nuovo collegamento ferroviario veloce tra Lione, Parigi e Londra sul quale viaggeranno merci commerciali.

Lo scorso 20 marzo è stato effettuato il primo test: il TGV della compagnia francese SNCF è partito dalla stazione Lione-St Exupéry (nell’omonimo aeroporto) alle 16:42 del 20 marzo ed è arrivato alla stazione di Londra St.Pancras la mattina successiva, dopo una sosta alla stazione di Roissy, situata nell’aeroporto Charles de Gaulle.

Il treno ha viaggiato sui binari dell’efficiente linea alta velocità francese, attraversando poi la Manica nell’Eurotunnel e raggiungendo la stazione di Londra sulla linea High Speed 1.

I problemi che si presentano sono però due: il territorio inglese dispone ad ora di una sola linea alta velocità e non dispone ancora di una stazione per treni AV all’interno di un aeroporto.

Questo potrebbe essere un limite considerevole se si pensa che uno tra i maggiori obiettivi del progetto è quello di porsi come competitor del commercio aereo.

Quest’ultima iniziativa si presenta all’interno del progetto Euro Carex, che dal 2009 si impegna a creare linee di distribuzione che utilizzino le già esistenti linee alta velocità, ed ha utilizzato per il test iniziale un treno TGV francese convertito da La Poste con una capacità di trasporto pari a 120 tonnellate viaggiando ad una velocità di 270 km/h.
Una grande idea, soprattutto se si pensa che il TGV risulta equivalente a sette B737F consumando una quantità inferiore di carburante.





A proposito di Trasporti Nazionali e Internazionali