Questo sito richiede JavaScript per funzionare correttamente. Si prega di abilitare JavaScript nel browser e ricaricare la pagina.
Nearshoring in Italia: una risposta strategica alle difficoltà della supply chain

La pandemia e le tensioni geopolitiche spingono le aziende italiane verso fornitori locali per migliorare la resilienza e la sostenibilità della supply chain




Non si può non sapere

Nearshoring in Italia: una risposta strategica alle difficoltà della supply chain

20 Giugno 2024

La chiusura temporanea del Canale di Suez e le perturbazioni globali hanno evidenziato la vulnerabilità delle catene di approvvigionamento internazionali.
Questi eventi hanno sollevato domande cruciali: è sicuro dipendere da fornitori lontani? È forse meglio collaborare con partner locali?
La piattaforma di supply chain collaboration in cloud Iungo ha risposto, stimando una crescita del nearshoring in Italia del 9% entro il 2025.
Questo posiziona il paese tra le destinazioni europee preferite, insieme a Polonia e Ungheria.
L’80% dei nuovi fornitori viene ora cercato localmente, segnala Iungo.
Questo cambiamento è accelerato da pandemie, conflitti geopolitici e disastri naturali che hanno causato interruzioni nella supply chain, aumenti dei prezzi e scarsità di materie prime.
Il nearshoring aiuta a mitigare questi rischi, riducendo la dipendenza da regioni instabili e prevenendo interruzioni prolungate.

I vantaggi del nearshoring

Le aziende che adottano il nearshoring godono di numerosi benefici:

  • Flessibilità e reattività: la prossimità geografica consente una gestione più agile delle scorte e una migliore collaborazione con i partner.
  • Riduzione dei costi logistici: diminuzione dei tempi di consegna e miglioramento della capacità di adattamento ai cambiamenti del mercato.
  • Sostenibilità e responsabilità sociale: minori emissioni di CO2 e incentivi governativi.
  • Resilienza e competitività: capacità di rispondere rapidamente ai turbamenti del mercato.

Andrea Tinti, CEO e fondatore di Iungo, ha sottolineato come il nearshoring offra alle aziende numerosi vantaggi, tra cui un aumento della flessibilità, una riduzione dei costi logistici e dei tempi di consegna, oltre a migliorare la resilienza della catena di fornitura.

Diversificazione: una strategia essenziale

Diversificare i fornitori è fondamentale per ridurre i rischi e migliorare la stabilità operativa.

Questo approccio:

  • Mitiga i rischi di approvvigionamento: riduce la dipendenza da un unico fornitore.
  • Migliora le negoziazioni: la concorrenza tra fornitori porta a condizioni migliori.
  • Incrementa la qualità dei prodotti: accesso a risorse e tecnologie avanzate.

Tinti ha concluso affermando che diversificare i fornitori non solo protegge l’azienda da imprevisti e interruzioni operative, ma consente anche di cogliere opportunità di crescita in un mercato dinamico.

Vuoi conoscere in anteprima le notizie pubblicate su Logisticamente.it?
Ricevi la newsletter gratuita per rimanere aggiornato sulle ultime novità del mondo della logistica





A proposito di Non si può non sapere