Questo sito richiede JavaScript per funzionare correttamente. Si prega di abilitare JavaScript nel browser e ricaricare la pagina.
Come realizzare una logistica davvero integrata?

I due principali ostacoli al raggiungimento di una vera logistica end-to-end sono la velocità e il costo, ma nel processo di realizzazione di una logistica integrata è necessario analizzare anche il contesto attuale. Scopri di più




Non si può non sapere

Come realizzare una logistica davvero integrata?

6 Febbraio 2023

A livello globale, molte aziende possono affermare di gestire la logistica end-to-end, ma non tutte la eseguono in modo fluido e garantendo una corretta gestione della supply chain.
La logistica integrata non consiste solo nel coprire l’intero processo logistico e nell’essere informati su qualsiasi cambiamento, ma anche nel poter prendere decisioni in tempo reale sulla gestione della supply chain in qualsiasi blocco della catena, in qualsiasi funzione logistica e in qualsiasi luogo.
Soprattutto, l’intero processo deve essere personalizzato in base agli obiettivi e alle esigenze di ogni azienda.

I maggiori ostacoli per raggiungere l’end-to-end

I due principali ostacoli al raggiungimento di una vera logistica end-to-end sono la velocità e il costo, ma nel processo di realizzazione di una logistica integrata è necessario analizzare anche il contesto attuale.

1. Velocità

Per quanto riguarda la velocità, per mantenere un vantaggio competitivo sul mercato, la chiave nei settori del lifestyle e della vendita al dettaglio è adottare le nuove tendenze o i cambiamenti della domanda il prima possibile.
Pertanto, la velocità delle consegne o l’agilità nell’applicazione dei cambiamenti, come il cambio di destinazione, devono essenzialmente migliorare, altrimenti il processo end-to-end non darà i risultati attesi.
Un fattore importante che riguarda il tempo è la capacità di prendere decisioni in tempo reale.
Prima i marchi reagiscono ai cambiamenti del mercato, prima possono attuare il piano d’azione per ridurre al minimo le interruzioni del business.
Un esempio chiaro e recente è la pandemia COVID-19, che ha messo a rischio l’intero settore globale.
Anche le aziende che teoricamente gestivano la loro logistica secondo il concetto di E2E hanno visto come le loro consegne hanno subito lunghi ritardi e come i loro processi sono stati interrotti.
Come accennato all’inizio di questo articolo, l’integrazione e l’ottimizzazione dell’intera catena di fornitura come insieme di processi connessi è essenziale per garantire il successo delle operazioni aziendali.

2. Costo

Per quanto riguarda i costi, il miglioramento dei tempi di consegna implica normalmente un’infrastruttura logistica più grande e una tecnologia più robusta per consentire la tracciabilità durante tutto il viaggio.
In entrambi i casi, sono necessarie molte risorse: denaro, competenze e tempo.
Come diretta conseguenza, molte aziende decidono di rivolgersi a partner logistici esterni specializzati per ottimizzare ogni fase della supply chain, senza incidere sui costi fissi.
Tuttavia, avere degli specialisti in ciascuna delle fasi implica naturalmente la necessità di operare con molti operatori logistici, causando allo stesso tempo una frammentazione della catena di fornitura e, ancora una volta, una catena di fornitura end-to-end inefficiente.
Un investimento in tecnologia e struttura logistica per progettare una soluzione end-to-end su misura farà crescere l’infrastruttura nei mercati chiave per controllare le operazioni e monitorare la crescita.
Questa opzione rappresenta un rischio enorme per i marchi, poiché disporre delle risorse non significa necessariamente avere le giuste competenze in materia di logistica e capire come ottimizzare gli anelli della catena.

La soluzione

Una delle opzioni più valide per ottenere una logistica integrata è quella di trovare il partner giusto, che disponga delle infrastrutture adeguate nei mercati a cui ci si vuole rivolgere, che abbia la tecnologia giusta per potenziare la catena di fornitura con una visibilità completa lungo tutto il processo e che abbia l’esperienza necessaria per ottimizzare ogni singolo passaggio.
Avere il giusto partner logistico che copra l’intero processo: mare, terraferma, gestione delle dogane, magazzinaggio e servizi aggiunti, permetterà di avere una catena di approvvigionamento connessa e senza interruzioni.
Inoltre, fornirà la visibilità e l’ottimizzazione necessarie per sostenere ogni programma di crescita aziendale.

Vuoi conoscere in anteprima le notizie pubblicate su Logisticamente.it?
Ricevi la newsletter gratuita per rimanere aggiornato sulle ultime novità del mondo della logistica





A proposito di Non si può non sapere