Questo sito richiede JavaScript per funzionare correttamente. Si prega di abilitare JavaScript nel browser e ricaricare la pagina.
E' scomparso Giuseppe Pinna, Direttore di Italiamondo.

Lo apprendiamo da un comunicato stampa Ferpress.




Outsourcing

E’ scomparso Giuseppe Pinna, Direttore di Italiamondo.

31 Agosto 2012

Giuseppe Pinna, per molti anni Direttore dell’Area Merci delle Ferrovie dello Stato e poi animatore di diverse iniziative nel campo del trasporto merci e della logistica, tra cui la fondazione di una rivista “Italiamondo”, di cui è stato direttore responsabile, è scomparso ieri a seguito di una grave crisi emorragica.

Fino al 1987 direttore Marketing all’Italtel, fu tra i primi manager dell’industria privata ad assumere incarichi di responsabilità nelle Ferrovie dello Stato, nel frattempo trasformate in Ente pubblico economico a seguito della riforma che ne sancì la fine come azienda appartenente all’amministrazione dello Stato.

Pinna guidò la Divisione Merci e poi il settore trasformato in FS Cargo dal 1987 al 1995, imprimendo un notevole dinamismo all’andamento del settore merci ferroviario e puntando soprattutto fin dall’inizio sullo sviluppo della logistica e dell’intermodalità.

E’ stato tra i principali promotori (se non il promotore) dell’Associazione Freight Leaders Club, che riuniva i principali esponenti del mondo del trasporto merci e della logistica, oggi trasformatasi in Freight Leaders Council e che ancora contribuisce ad animare il dibattito e il confronto sulle strategie per il settore, producendo studi, analisi e convegni. Tra i vari impegni associativi e politici da non dimenticare la presidenza di Assoferr.

Noi lo ricordiamo soprattutto per la rivista “ItaliaMondo”, di cui è stato Direttore Responsabile, che ci permetteva di leggere la logistica da un punto di vista interdisciplinare, in articoli di ampio respiro nei quali trovavano spazio la storia, la filosofia, le teorie macroeconomiche: articoli che andremo a rileggere, archiviati in uno scaffale dedicato del nostro ufficio.





A proposito di Outsourcing