In questo articolo scopriremo cos'è il Green Supply Chain Management, i motivi per cui è un motore di redditività per le aziende e come implementarlo. Scopri di più




Logistica Sostenibile

Come rendere la logistica più sostenibile? Alla scoperta del Green Supply Chain Management

11 Aprile 2023

L’implementazione del Green Supply Chain Management (GSCM) consente alle aziende di rispondere alla crisi climatica e al riscaldamento globale.
Le aziende che operano all’interno della catena di fornitura sono al centro delle discussioni e sono spesso citate come una delle principali cause dell’inquinamento generato dall’industria manifatturiera e dal trasporto delle merci.
Di conseguenza, le aziende devono ripensare le loro attività attuali.
L’ “ecologizzazione” della gestione della supply chain è spesso imposta piuttosto che scelta dalle aziende. Esse tendono a essere spinte dalla necessità di conformarsi a nuovi standard e regolamenti imposti.
Tuttavia, una gestione più sostenibile ed ecologica della supply chain rappresenta una reale opportunità di crescita per i produttori.
La sua attuazione offre l’opportunità di risparmiare denaro, riducendo al contempo l’impatto sull’ambiente.
Una supply chain sostenibile è anche un ottimo modo per migliorare l’immagine e le credenziali green di un’azienda.
In questo articolo scopriremo cos’è il Green Supply Chain Management, i motivi per cui è un motore di redditività per le aziende e come implementarlo.

Green Supply Chain Management:Definizione

Una supply chain ecologica e sostenibile è quella che adotta iniziative ecologiche in ogni fase, tra cui, a titolo esemplificativo e non esaustivo: fornitura di materie prime, produzione del prodotto, stoccaggio, trasporto e distribuzione.
Secondo uno studio pubblicato dall’Università di Bowling (2012), la Green Supply Chain Management è coinvolta in: sviluppo del prodotto, produzione del prodotto, trasporto, imballaggio, stoccaggio e ciclo di vita del prodotto.
In breve, la dimensione ambientale deve essere una componente di tutte le fasi della vita di un prodotto, dalla sua progettazione al suo eventuale riciclaggio.
Ciò richiede un ripensamento dell’intera supply chain per ridurne l’impatto ambientale.

Il Green Supply Chain Management comporta:

  • Ridefinire la strategia logistica dell’azienda adottando una politica ambientale globale;
  • Implementare misure concrete per ridurre l’impatto ambientale delle attività dell’azienda;
  • Monitorare l’efficacia dell’azienda attraverso indicatori chiave di prestazione (KPI) coerenti.

Anche se questo processo può sembrare noioso, il suo completamento permette alle aziende di raccogliere i frutti!

Perché passare al Green Supply Chain Management?

Riduzione delle emissioni di CO₂, riduzione dei rifiuti e conservazione delle risorse: una supply chain green ha un innegabile impatto positivo sul pianeta.
Diverse aziende di fama mondiale stanno già lavorando attivamente per ridurre l’impatto ambientale della loro attività.

1. Anticipare le normative future grazie a una catena di approvvigionamento sostenibile

Le politiche pubbliche che sanzionano le aziende più inquinanti esistono da anni nella maggior parte dei Paesi occidentali e stanno diventando sempre più severe.
Piuttosto che subire gli effetti di normative future, le aziende che scelgono di adottare una supply chian sostenibile oggi, evitano di pagare sanzioni e di essere bersaglio di sanzioni domani.
Anticipando il cambiamento, possono passare a un approccio più ecologico in modo flessibile e fluido.
Le aziende che agiscono ora sono quelle che faranno da apripista per gli altri.

2. Ridurre i costi e migliorare la redditività

Il Green Supply Chain Management consente notevoli risparmi su tutta la linea.
Il passaggio a una supply chain sostenibile può ridurre il consumo energetico di edifici e veicoli, oltre a permettere di ridurre i costi di trasporto e di produzione dei prodotti mettendo in comune le risorse o delocalizzando le forniture.

3. Maggiore attrattiva

I consumatori sono sempre più sensibili alle questioni ambientali, per cui la riduzione dei rifiuti e delle emissioni di gas serra consente alle aziende di proiettare un’immagine positiva e più verde.
Il passaggio a modalità di lavoro più ecologiche deve prevedere azioni concrete e risultati reali e dimostrabili.
Le aziende che compensano la loro impronta ambientale con offerte finanziarie, invece di apportare cambiamenti reali alle loro modalità operative, potrebbero essere accusate di “greenwashing”.
I consumatori sono spesso avveduti di questi approcci, che potrebbero nuocere più che giovare all’immagine di un’azienda.

Come creare una filiera verde?

1. Misurare: valutare l’impronta ambientale della supply chain

Il primo passo per ridurre l’impatto ambientale della supply chain di un’azienda è comprenderla!
Una valutazione dell’impatto per ogni fase della catena di fornitura è essenziale.
Questa deve prendere in considerazione l’intera catena, dall’approvvigionamento dei materiali alla vendita del prodotto e al suo utilizzo finale.
Qualunque sia il metodo di valutazione utilizzato, l’obiettivo è sempre lo stesso: misurare l’impatto ambientale dei vari punti della catena di fornitura per ridurlo.
Nell’ambito di questa valutazione, le aziende cercheranno innanzitutto di misurare le proprie emissioni di gas a effetto serra.
Tuttavia, è necessario misurare anche altri fattori quali: i rifiuti prodotti, la tossicità dei materiali utilizzati e lo spreco di risorse e di energia.
Per valutare le emissioni di gas serra di una struttura si possono utilizzare diversi metodi e standard.

I più comunemente utilizzati e riconosciuti sono:

  • Lo standard ISO 14064-1
    Secondo ISO.org, questo standard: “specifica i principi e i requisiti, a livello di organizzazione, per la quantificazione e la rendicontazione delle emissioni e degli assorbimenti di gas serra (GHG). Include i requisiti per la progettazione, lo sviluppo, la gestione, la rendicontazione e la verifica dell’inventario dei gas serra di un’organizzazione”.
  • Impronta di carbonio
    L’impronta di carbonio è uno strumento diagnostico per analizzare le emissioni dirette di gas serra di un’organizzazione. Tiene conto sia dell’ambito organizzativo (le strutture dell’azienda) sia dell’ambito operativo (le emissioni di gas serra durante la produzione e la distribuzione).
    Può essere effettuato internamente o da un fornitore di servizi esterno e, in alcuni Paesi, può essere sovvenzionato dal governo.
  • Il Protocollo sui gas a effetto serra (GHG Protocol)
    Il Protocollo sui gas serra è stato sviluppato dal World Business Council for Sustainable Development (WBCSD), un’organizzazione che riunisce le grandi imprese degli Stati Uniti e il World Resources Institute (WRI), un’organizzazione di ricerca globale.

Agire concretamente per una catena di fornitura sostenibile

Il passo principale per rendere la supply chain più sostenibile è semplice: agire!
Innanzitutto, è necessario ripensare la propria strategia logistica ed essere disposti a prendere decisioni. Ci sono molte aree di miglioramento per una gestione più ecologica della catena di fornitura.

Esse possono includere:

  • L’approvvigionamento delle materie prime;
  • L’uso di materiali meno inquinanti;
  • Riduzione dei rifiuti e degli imballaggi;
  • Riduzione del consumo energetico degli edifici;
  • Imballaggio dei prodotti;
  • Raggruppamento dei trasporti (per le forniture e/o per i clienti);
  • Razionalizzazione dei cicli di consegna;
  • Ottimizzazione dello stoccaggio dei prodotti;
  • Utilizzo della logistica inversa;
  • Riduzione del numero di chilometri percorsi dai prodotti;
  • Miglioramento della tracciabilità dell’inventario per una migliore gestione.

Dopo l’analisi, è importante individuare le aree che necessitano di attenzione per ottimizzare la catena di approvvigionamento dell’azienda e ridurne l’impatto ambientale.
Una volta identificate queste aree, bisogna trasformarle in azioni concrete.
Spesso si tratta di azioni relativamente semplici da attuare.
Altre potrebbero richiedere una revisione più profonda della supply chain.

Queste azioni possono essere:

  • Esternalizzare la gestione dei pallet (pallet-pooling);
  • Ricerca di fornitori locali;
  • Eliminazione degli imballaggi intermedi;
  • Vendita alla rinfusa;
  • Utilizzo di lampadine a basso consumo e di rilevatori di movimento nei magazzini;
  • Utilizzo di materiali riciclati per gli imballaggi;
  • Riciclaggio dei rifiuti;
  • Contattare i clienti dei fornitori per utilizzare il cross-docking;
  • L’adozione di un sistema di gestione dei trasporti;
  • L’adozione di un sistema di gestione del magazzino;
  • L’implementazione di un sistema di restituzione dei prodotti per ripararli, riciclarli o venderli di seconda mano;
  • L’utilizzo di una rete di distribuzione più fitta.

Il trasporto è una delle aree di ottimizzazione più importanti e una delle sfide principali dei prossimi anni. È importante considerare fattori quali le distanze percorse, i mezzi di trasporto e il tasso di carico delle merci.
I viaggi a vuoto sono una vera sfida per il clima.
Si stima che il 20% di tutti gli attuali viaggi dei mezzi pesanti sia vuoto.
L’utilizzo dei controflussi e la messa in comune dei percorsi potrebbero contribuire a ridurre significativamente questo numero.
Anche la diversificazione dei prodotti trasportati in una stessa spedizione è un’opportunità di ottimizzazione fondamentale, che consentirà di risparmiare sulle emissioni di CO2.
Si stima che gli autotrasportatori potrebbero risparmiare tra il 3% e il 7% del loro consumo di carburante.
Questa cifra potrebbe raggiungere il 20% per i piccoli trasportatori e i veicoli utilitari.
Questi sono solo alcuni esempi, ma è chiaro che l’ottimizzazione dei trasporti è una delle principali sfide da affrontare per costruire una catena di approvvigionamento più responsabile.

Monitorare l’efficacia delle azioni utilizzando i KPI

Per capire l’efficacia della politica di gestione sostenibile della catena di fornitura, è necessario definire gli indicatori chiave di prestazione (KPI).

Soprattutto, questi indicatori devono essere:

  • Coerenti con le azioni realizzate: non è necessario misurare la concentrazione di microinquinanti nell’acqua per stabilire l’efficacia di una decisione di mettere in comune i trasporti per ridurre i chilometri a vuoto;
  • Operativi: bisogna essere in grado di raccogliere dati per misurare l’efficacia delle vostre azioni.

La norma ISO 14031 è una buona base per stabilirli. Soprattutto, questi indicatori devono includere:

    • Indicatori di performance gestionale (MPI): per misurare l’efficacia degli obiettivi prefissati o il rendimento economico delle azioni intraprese;
    • Indicatori di performance operativa (OPI): misurano la performance ambientale delle vostre decisioni, come la quantità di rifiuti creati per prodotto;
    • Indicatori di condizione ambientale (ECI): consentono di valutare l’impatto dell’azienda sull’ambiente nel suo complesso.




A proposito di Logistica Sostenibile