MID.MED SHIPPING & ENERGY FORUM: l’evento per l’economia produttiva e logistica mediterranea

23 giugno 2022
(Comunicato stampa)

La Sicilia rappresenta l’avanguardia dell’Italia nel Mediterraneo, un laboratorio di economia europea al centro del mare.
Logistica mediterranea, questo è il contesto di fondo da cui parte la seconda edizione di MID.MED SHIPPING & ENERGY FORUM, in programma in presenza a Palermo nella prestigiosa sede di Palazzo dei Normanni, sede dell’Assemblea Regionale Siciliana, il 30 giugno e 1 luglio prossimi.

Per continuare a interpretare appieno il ruolo che si è scelto, l’Isola si trova ad affrontare una duplice sfida: da una parte ammodernare e rafforzare le proprie infrastrutture e i propri comparti produttivi d’eccellenza per essere all’altezza di una concorrenza sempre più forte da parte degli altri Paesi Mediterranei, dall’altra valorizzare la propria posizione e le proprie risorse per aumentare la presenza sui mercati europei continentali.
Due sfide ma anche due opportunità di sviluppo che costituiranno il filo rosso del programma di incontri che si articoleranno su una giornata e mezza di evento.

La sessione istituzionale vedrà la partecipazione di Gaetano Miccichè, Presidente dell’ ARS, del nuovo sindaco di Palermo, dei presidenti delle Autorità di Sistema Portuale del Mare di Sicilia Orientale, Francesco Di Sarcina, e di Sicilia Occidentale, Pasqualino Monti, con le conclusioni affidate a Gaetano Armao, Vicepresidente, Regione Siciliana e Assessore all’Economia, che in queste vesti illustrerà le linee strategiche di impego dei fondi del PNRR in Sicilia.


I temi della prima giornata



GEOPOLITICA E GEOECONOMIA DELL’ITALIA (MEDITERRANEA

Distratti dalla guerra russo-ucraina, l’attenzione dei media si è distolta dal Mediterraneo.
La situazione è paradossale per due ordini di motivi: da una parte il concetto di Mediterraneo Allargato (che comprende il Mar Nero) sembra sbiadirsi proprio quando i fatti ne dimostrano la validità; dall’altra mai come in questo momento le tensioni nel mare di mezzo sono in crescita su una traiettoria preoccupante.
Stavolta sono le tensioni all’interno della sponda sud a dominare, con rischio di guerra interstatuale per la prima volta da molti decenni.
Urge un ritorno dell’attenzione, se non altro perché il ruolo del Mediterraneo dal punto di vista geo-economico.

ENERGIA: LA SICILIA E L’ITALIA MEDITERRANEA DI FRONTE ALLA GRANDE OPPORTUNITÀ

Da luogo di transito e consumo l’Italia Mediterranea, e la Sicilia in particolare, stanno (ri)scoprendo un ruolo di primo piano nella produzione energetica.
Sicuramente le rinnovabili vecchie e nuove sono protagoniste, ma anche il gas naturale è ritornato alla ribalta, quantomeno teorica.
Le filiere dei vettori energetici decarbonizzati o a “circular carbon” costituiscono un potenziale sviluppo interessante, anche per le imponenti risorse messe a disposizione a livello nazionale ed europeo.
Per coglierla, va superata la mentalità di indipendenza energetica che impedisce di vedere l’energia come motore di sviluppo anche per il resto dell’economia.

LA RISORSA DATI

La Sicilia è uno dei più importanti hub digitali al mondo.
Per rendersene conto basta guardare una carta delle connessioni dati che transitano dalla Sicilia.
Il ruolo dell’Isola è però esclusivamente quello che in termini di commercio marittimo si chiamerebbe transhipment, ossia di trasbordo di pacchetti di dati così come sono.
Il vero valore sta però nel “lavorare” i dati e per far questo bisogna attirare i gradi collettori e trasformatori.
Come la Sicilia e il sud in genere può affermare un proprio ruolo attivo nell’economia dei dati? La sessione cerca di fornire almeno gli strumenti di base per affrontare la sfida.


I temi della seconda giornata



ECONOMIA E LOGISTICA: PNRR, porti, retroporti e distretti produttivi

La stretta integrazione tra distretti produttivi, infrastrutture e servizi logistici di terra e porti non è una novità.
Oggi sembra tornata di moda con l’avvento delle ZES, ma un approccio di tipo esclusivamente normativo e fiscale rischia di oscurare il fatto che le tre componenti sono integrate dal basso, perché altrimenti un’economia non è in grado, non solo di prosperare, ma nemmeno di competere e quindi di sopravvivere.
Soprattutto in un contesto come quello siciliano dove le prospettive di sviluppo sono legate ad una crescita importante delle produzioni destinata all’esportazione, sia nel resto del Paese, che su scala internazionale.

ECCELLENZE DEL TERRITORIO, LA TRADIZIONE NON BASTA

La Sicilia e il Sud in genere sono terre in cui la vocazione agricola è forte.
Nel corso dei decenni si è assistito a un ripiegare progressivo dalla produzione di commodities in grado di competere sui mercati internazionali a quello delle specialties, le famose “eccellenze”, che però contano solo se riescono a imporsi al di fuori della nicchia dei gourmet (ammesso di riuscire a raggiungerli).
Si tratta della ben nota trappola della tradizione che passa dal moltiplicarsi delle IGP, concesse a prodotti e lavorazioni talmente limitate in quantità da essere più una medaglia per gli eroi locali che uno strumento di sviluppo economico.
Alcuni settori, come gli agrumi, l’uva da tavola, certi ortaggi, sono riuscite per ora a sfuggire, ma forse sarebbe meglio anche tornare a produrre grano in Sicilia.
O almeno la pasta.

Puoi trovare maggiori informazioni sull’evento direttamente sul sito ufficiale

Altri articoli per Direttamente dalle Aziende

Video

Vedi tutti
Dalle Aziende

L'offerta di OneWedge

04 aprile 2022
Dalle Aziende
Put to Light e Modula: come Fratelli Ceni ottimizza la preparazione degli ordini in magazzino
14 marzo 2022
Dalle Aziende
System Logistics - Veicoli a guida autonoma SHARK
23 febbraio 2022

Newsletter

Iscriviti alle nostre newsletter!

Ricevi gratuitamente informazioni e aggiornamenti in materia di logistica, trasporti, magazzino.

Seguici su LinkedIn

Logisticamente.it