Logistica alimentare

Come cambia il comportamento dei consumatori post lockdown?

08 settembre 2020
(Comunicato stampa)

In media, ci vogliono circa due mesi prima che un nuovo comportamento diventi automatico, mentre il tempo necessario a formare un'abitudine completamente nuova può variare notevolmente a seconda del tipo di comportamento, della persona e delle circostanze.

Gli ultimi sei mesi possono certamente essere classificati come circostanze eccezionali e tutti noi abbiamo avuto molto tempo a disposizione per sviluppare nuove abitudini come l'e-commerce e il commercio mobile, questo è sicuro.
Di conseguenza, i segni indicano che il boom dell'e-commerce, accelerata da COVID-19, non si ritirerà, almeno a breve.

È una scommessa facile continuare a credere che i cambiamenti nella psicologia dei consumatori e il modo in cui l'industria alimentare si è adattata alla pandemia non sia un flash di breve durata.
Dopo tutto, chi dopo aver scoperto un modo più efficiente di fare qualcosa, tornerebbe a un modo di operare obsoleto e meno efficace?

Insieme alla crescente popolarità di opzioni di acquisto come il BOPIS e il pickup sul lato del marciapiede, questo cambio di passo sarà probabilmente rappresentativo dei consumatori come lo è per i negozi di alimentari stessi.

Mentre il boom dell'e-commerce e la capacità generale di orientarsi verso opzioni come BOPIS hanno certamente "protetto" gran parte dell'industria alimentare dai peggiori effetti di COVID-19, ci sono una serie di sfide secondarie di cui anche le organizzazioni del settore devono essere consapevoli.

Ad esempio, le marche di alimentari devono essere consapevoli delle sfide che l'e-commerce crea dal punto di vista della realizzazione pratica.
Offrire BOPIS, il ritiro lato marciapiede o anche utilizzare i negozi come "mini-magazzini" sono ottime opzioni a breve termine, tuttavia, la logistica necessaria per realizzare effettivamente queste varie alternative può mettere una pressione significativa sulle catene di fornitura, se non si dispone della strategia o della tecnologia corretta.

I negozi di alimentari, siano essi piccoli, indipendenti locali o brand conosciuti a livello internazionale, devono conciliare le loro precedenti direzioni strategiche con il cambiamento dei contesti in cui operano.

Metodi efficaci di e-commerce e di evasione ordini ibrida, vere e proprie capacità omnicanali, e un'incessante ottimizzazione dell'esperienza del cliente, sia attraverso i canali dei social media che attraverso esperienze fisiche in negozio, si riveleranno vitali, così come una visione rivista della tecnologia: da un lato come differenziatore proattivo e strategico, ma anche come scudo protettivo e difensivo contro molti dei nuovi venti contrari che colpiscono l'industria.

Se abbiamo imparato qualcosa dai resoconti giornalieri di tutto il mondo, è che le previsioni su come si svilupperanno le cose durante questa pandemia, o su ciò che dovremmo aspettarci dopo, sono impossibili da fare con un qualsiasi grado di certezza.

L'approccio delle aziende al cambiamento


Mentre l'aumento delle vendite di generi alimentari ha dimostrato che l'aumento della marea solleva tutte le barche, non è ancora chiaro chi siano i veri vincitori per canale o per marchio in questa fase relativamente precoce.

L'unica cosa che possiamo dire con certezza è che le aziende che adottano un approccio fluido, agile e flessibile alla loro direzione strategica complessiva saranno in grado di muoversi con rapidità ed efficacia per avere successo in qualsiasi contesto si presentino nei prossimi 12 mesi e oltre.

Negli ultimi sei mesi ci sono stati un paio di insegnamenti fondamentali che sono venuti alla ribalta:

In primo luogo, indipendentemente dalla parte della catena di fornitura di generi alimentari in cui si lavora (che si tratti di spazi di magazzino o DC, di reti di consegna o di negozi), sono le persone che alimentano queste reti altamente complesse e sono quindi proprio le persone che contano di più.
Per questo motivo è necessario disporre di strategie e soluzioni che riconoscano e ricompensino i sacrifici e i rischi che i vostri difensori della prima linea corrono ogni giorno.

In secondo luogo, all'inizio della pandemia, c'è stata una prima corsa su alcuni prodotti di base (latte, uova, carta igienica, cibi in scatola, ecc.) e diversi supermercati hanno faticato a tenere il passo con la domanda e a modificare il comportamento dei consumatori.
Per andare avanti, assicuratevi di disporre di una tecnologia flessibile, agile e innovativa come lo sono i vostri clienti, in modo che tutto, dalle operazioni del primo miglio, fino al BOPIS e alla consegna all'ingresso, possa ruotare e rispondere rapidamente.

Che si tratti di self-service digitale, BOPIS o pickup sul lato del marciapiede, attivazione super-veloce di siti dark o capacità omnicanale best-in-class, le soluzioni leader del settore di Manhattan Associates e i team di esperti (riconosciuti da Gartner & Forrester da oltre un decennio) sono qui per aiutare voi e i vostri team ad affrontare le sfide del "nuovo normale" nel settore alimentare.

Altri articoli per Direttamente dalle Aziende

Video

Vedi tutti
Eventi e Workshop

"Alla ricerca della flessibilità" - webinar 07/07/2020

14 luglio 2020
Dalle Aziende
Conad Nord Ovest, la sfida vinta con Modula
11 maggio 2020
Dalle Aziende
Piattaforma Modula Cloud
08 aprile 2020

Newsletter

Iscriviti alle nostre newsletter!

Ricevi gratuitamente informazioni e aggiornamenti in materia di logistica, trasporti, magazzino.

Seguici su Twitter

@logisticamente