Logistica sostenibile

Logistica sostenibile, il Covid non ferma la rivoluzione green

20 aprile 2021
La pandemia ha profondamente modificato la vita di molte imprese, non solo è cambiata la gestione del personale o della supply chain logistica ma anche di tutti gli investimenti.
Alla luce di questa considerazione è stato condotto uno studio per verificare se la pandemia da Covid-19 ha avuto un effetto sui piani di investimento creati delle aziende per rendere la logistica più sostenibile.

Lo studio dal titolo “Measuring Industry’s Temperature: an environmental progress report on european logistics” è stato realizzato dalla Kühne Logistics University di Amburgo in collaborazione con l’European Freight & Logistics Leaders’ Forum.
L’indagine è stata svolta interrogando oltre 90 dirigenti senior coinvolti nella gestione dei sistemi logistici europei, inclusi casi di studio di Procter & Gamble, Stora Enso, Kuehne + Nagel, Vlantana, Tata Steel, Saint-Gobain Isover, Transporeon, Bertschi e LKW Walter, allo scopo di comprendere quali politiche sono state introdotte dalle aziende per migliorare la sostenibilità ambientale delle operazioni logistiche.

Lo studio ha evidenziato come la pandemia non ha intaccato i processi di decarbonizzazione della logistica attuati dalle imprese in tutta Europa.

In Europa la logistica è sempre più green


La ricerca condotta dal “Center for Sustainable Logistics and Supply Chain” (CSLS) della Kühne Logistics University di Amburgo ha rilevato che più della metà delle aziende partecipanti allo studio già dispone di una strategia di logistica sostenibile o ne sta implementando una.
All’interno del gruppo delle aziende prese in esame il 30% ha già strategie in atto o in fase di attuazione per rendere la logistica più sostenibile.

Queste aziende hanno anche fissato obiettivi di riduzione assoluta delle emissioni di carbonio per le loro operazioni logistiche e sono in grado di misurare le relative emissioni di CO2 a livello disaggregato.
Lo studio ha altresì rilevato che un 15% delle aziende ancora non misura le proprie emissioni e un terzo deve ancora fissare obiettivi per ridurre queste emissioni.

Nonostante questo, quasi il 70% di tutti gli intervistati ha indicato che la pandemia non ha avuto alcun impatto sui loro sforzi di decarbonizzazione della logistica, anzi in alcuni casi ha addirittura avuto un effetto positivo.
Questa evidenza viene sottolineato dal prof. Alan McKinnon, uno degli autori dello studio, che ha affermato che finora la crisi del Covid-19 non sembra aver indebolito o invertito gli sforzi delle aziende per decarbonizzare la loro logistica.

Sostenibilità e efficienza, due concetti collegati


Il 30% delle aziende consultate è stata considerata "leader" nella logistica sostenibile.
Se si prendono in esame solo le risposte degli intervistati nella categoria "leader", oltre il 60% ritiene che almeno la metà delle misure di riduzione della CO2 servirà a tagliere anche i costi.

Per gli intervistati per misure più convenienti per decarbonizzare la logistica sono tre:
  • spostare il trasporto delle merci dalla strada alla ferrovia;
  • rendere più efficiente l'utilizzo dei veicoli;
  • sostituire i mezzi utilizzati per le operazioni di trasporto passando da quelli alimentati con combustibili fossili a quelli alimentati con energie rinnovabili.
Inoltre, i tre quarti degli intervistati hanno ipotizzato che nei prossimi cinque anni la digitalizzazione avrà un grande impatto trasformativo sulla logistica, portando miglioramenti alla catena di approvvigionamento, progressi nei sistemi di gestione dei trasporti, innovazioni nell'instradamento dei veicoli e piattaforme logistiche online che probabilmente forniranno contributi alla decarbonizzazione della logistica.

Fornitori di servizi logistici sempre più consapevoli


Il Prof. Moritz Petersen, Direttore di Center for Sustainable Logistics and Supply Chain” (CSLS) e coautore della ricerca, ha rilevato che attualmente i fornitori dei servizi logistici sembrano avere una maggiore capacità di misurare e gestire il processo di decarbonizzazione rispetto alle aziende utilizzatrici dei loro servizi.

Nonostante questo, le aziende potrebbero esercitare una maggiore influenza ambientale sul processo logistico attraverso un miglioramento delle loro procedure di approvvigionamento.
Una logistica a impatto zero richiederà una condivisione molto maggiore degli asset logistici, una condizione molto lontana dall’essere realizzata perché inibita da una serie di vincoli.

I manager intervistati hanno identificato nelle pressioni concorrenziali, nella cultura della dirigenza, nei problemi di riservatezza dei dati e nella mancanza di fiducia come i principali ostacoli per una maggiore collaborazione nella catena di fornitura.

Clicca qui per leggere il report integrale: https://www.the-klu.org/landingpages/sustainability-study/

Altri articoli per Logistica sostenibile

Ultimi articoli per Supply Chain

Video

Vedi tutti
Eventi e Workshop

Dematic - Virtual Showcase Autostore

24 marzo 2021
Interviste
Paolo Azzali di Ab Coplan a Gia Talk: “La logistica ai tempi del Covid 19”
04 marzo 2021
Dalle Aziende
Il Colle movimento merci
16 febbraio 2021

Newsletter

Iscriviti alle nostre newsletter!

Ricevi gratuitamente informazioni e aggiornamenti in materia di logistica, trasporti, magazzino.

Seguici su LinkedIn

Logisticamente.it