Questo sito richiede JavaScript per funzionare correttamente. Si prega di abilitare JavaScript nel browser e ricaricare la pagina.
Ecco i sei principali modelli di supply chain per le imprese, con pro e contro

È essenziale che le aziende identifichino un modello adatto alle loro catene di fornitura, che soddisfi le esigenze specifiche e aiuti a evitare costi aggiuntivi




Non si può non sapere

Ecco i sei principali modelli di supply chain per le imprese, con pro e contro

26 Settembre 2023

La creazione e la gestione di una catena di fornitura globale è un’attività complessa e l’utilizzo di un modello sbagliato di supply chain può esporre l’azienda a rischi e interruzioni, aumentando i costi e danneggiando potenzialmente il marchio.
Le aziende utilizzano diversi modelli per organizzare e gestire le loro catene di fornitura.
La scelta del modello più adatto al processo aziendale può aiutare a controllare i costi e a ridurre i rischi.
Ogni modello ha pro e contro, per cui è fondamentale scegliere quello giusto.

I sei modelli di supply chain

Ecco sei tipi di modelli che possono guidare la gestione della supply chain per un’azienda:

1. Flusso continuo

È uno dei modelli più tradizionali dell’elenco.
Il modello a flusso continuo è la scelta migliore per le industrie e le imprese che operano con stabilità.
La stabilità è essenziale per questo modello perché è richiesta da entrambe le parti, cioè dal produttore e dall’acquirente.
Questo modello è adatto alle aziende che producono un insieme uniforme di beni e che possono aspettarsi un livello stabile di domanda da parte del mercato.
Come suggerisce il nome, in questo modello le merci sono in flusso continuo e si basa sulla stabilità della domanda e dell’offerta nel mercato.
I sistemi di questo tipo di gestione della supply chain sono allineati in modo da garantire un flusso continuo di merci.

2. “Fast chain”

Il modello fast chain (catena veloce) è uno dei nuovi nomi delle strategie di supply chain. È adatto alle aziende che hanno linee di prodotti con cicli di vita brevi.
Ad esempio, uno stilista potrebbe avere una linea specifica di modelli in una stagione.
L’azienda ha bisogno di portare la linea di moda sul mercato per massimizzare i profitti, poiché di solito si basa sulle tendenze attuali.
Dal momento che l’efficienza della supply chain può aumentare il vantaggio competitivo di un’azienda, questo modello è solitamente considerato il migliore tra i vari tipi di integrazione della supply chain.

3. “Efficient chain”

Il modello “efficient chain” (catena efficiente) è stato creato per le industrie ipercompetitive.
In questo modello, l’obiettivo finale è quello di massimizzare l’efficienza.
Seguendo il modello della “efficient chain” (catena efficiente), l’organizzazione deve creare previsioni di produzione adeguate, in modo da poter preparare i macchinari e, di conseguenza, le materie prime.
Il principale svantaggio di questo modello è che un’interruzione del ciclo di produzione o di vendita può creare molti effetti a catena.
Ad esempio, problemi come la carenza di manodopera o di materie prime potrebbero causare lunghi ritardi e l’organizzazione potrebbe dover sostenere costi aggiuntivi a causa del ritardo nelle forniture.

4. Agile

Il modello agile è adatto alle aziende che trattano articoli speciali, dove i prodotti possono richiedere una maggiore attenzione nella catena di fornitura.
Questo modello viene solitamente messo a punto su misura per il prodotto per cui viene utilizzato.
Il modello agile è noto per l’expertise che richiede il trasporto delle merci dal punto A al punto B, e non tanto per l’automazione o la tecnologia che vi è coinvolta.
Le aziende della catena di approvvigionamento che seguono il modello agile possono applicare un prezzo maggiorato per i loro servizi.
Rispetto al modello di “efficient chain” (catena efficiente), che si basa su volumi elevati, il modello agile è redditizio solo fino a quando non viene raggiunta una soglia di volume.
Dopodiché, può risultare costoso seguire questo modello.

5. Configurato su misura

Il modello configurato su misura necessita di allestimenti personalizzati nelle fasi di assemblaggio e produzione.
Si tratta di un mix di metodi agili e a flusso continuo, in cui il prodotto che viene fabbricato può richiedere qualche personalizzazione in più, ma deve funzionare su base end-to-end.
Di solito viene utilizzato per la progettazione di prototipi e la produzione di piccoli lotti.
Il modello personalizzato richiede un investimento aggiuntivo da parte dell’azienda rispetto ai modelli più tradizionali.

6. Flessibile

Il modello flessibile può gestire una domanda elevata durante l’alta stagione e adattarsi rapidamente a un periodo di magra con una domanda bassa.
Per gestire un modello flessibile in modo efficiente, un’azienda ha bisogno del giusto software di gestione della supply chain e delle persone giuste con le conoscenze di base per operare un modello flessibile con alta efficienza.

Questi sono i sei principali modelli di supply chain per le imprese, tutti con i loro pro e contro.
È essenziale che le aziende identifichino un modello adatto alle loro catene di fornitura, che soddisfi le loro esigenze specifiche e le aiuti a evitare costi aggiuntivi.
Il giusto modello di supply chain è importante tanto quanto le persone, i processi e la tecnologia che gestiscono la supply chain.
Consente all’impresa di migliorare l’efficienza e può aiutarla a costruire la resilienza alle interruzioni e a mitigare l’esposizione a vari rischi.
Con il modello giusto, le aziende possono trasformare le loro catene di fornitura in un vantaggio competitivo.





A proposito di Non si può non sapere