Soggetti pubblici e privati lo useranno per ogni transizione, con molte agevolazioni




Outsourcing

Entro il 2020 Dubai sarà la capitale del blockchain

21 Luglio 2017

Dubai è divenuta molto velocemente un hub di livello globale per il commercio.
Il nuovo progetto della città, capitale dell’omonimo emirato, è quello di utilizzare il Blockchain come base per la propria economia.
In questo modo le prestazioni dei servizi privati e governativi nell’avveniristica città sul Golfo Persico saranno più efficienti, semplificando ulteriormente il modo di fare affari.

“Vogliamo rendere Dubai la prima città gestita con Blockchain a livello mondiale entro il 2020”, ha dichiarato al Wall Street Journal Aisha Bin Bishr, direttore generale di Smart Dubai, un ufficio governativo incaricato di agevolare l’innovazione.
“Questo nuovo sistema non sarà compatibile con quelli esistenti, ma ci preparerà per il futuro”, ha poi aggiunto.

Il primo tentativo di implementazione di questa tecnologia è partito a marzo, e a guidarlo è stato appunto Smart Dubai, un ufficio il cui compito sarà quello di educare il settore pubblico e quello privato sul potenziale del Blockchain, proponendo workshop con i principali enti coinvolti per capire i punti da migliorare.
Una volta terminata la formazione dei soggetti pubblici e privati, Smart Dubai prevede che il lancio di questo nuovo sistema avverrà entro la fine dell’anno.





A proposito di Outsourcing