Questo sito richiede JavaScript per funzionare correttamente. Si prega di abilitare JavaScript nel browser e ricaricare la pagina.
Mipim 2015: 1,5 miliardo di euro pronti per essere investiti in Italia.

Porto_di_Ancona_movimentati_oltre_85_milioni_di_tonnellate




26 Marzo 2015

Porto di Ancona: movimentati oltre 8,5 milioni di tonnellate.

Il 2014 è stato un anno molto positivo per la movimentazione di merci nel porto di Ancona: 8.568.956 tonnellate, pari a + 23% rispetto al 2013.
Si tratta di un risultato importante perché riporta la movimentazione delle merci ai livelli del 2009/2010, prima che la crisi economica internazionale incidesse pesantemente sui traffici dello scalo dorico.

L’ottimo andamento è principalmente dovuto alla ripresa della movimentazione di prodotti petroliferi destinati alla raffineria API di Falconara, che sono stati 4.779.460 tonnellate, pari a +46% vs. 2013.
Positivo anche il traffico di merci solide, pari a 3.789.496 tonnellate (+3%) ed in particolare le merci rinfuse (637.543 tonnellate, pari a +9%) e quelle nei container (1.133.898 tonnellate, +7%).
In merito ai container, in particolare, si tratta di un traffico in crescita costante negli ultimi anni: nel 2014 sono stati 164.882 i TEU movimentati, pari a + 8% vs. 2013.

“Il traffico di container nel porto di Ancona è praticamente quadruplicato dal 1995 ad oggi – ha dichiarato il Presidente Rodolfo Giampieri  – a dimostrazione dell’importanza fondamentale dello scalo quale porta di accesso dei distretti produttivi della Regione”.
Per quanto riguarda il valore in €uro del traffico in import ed export, il 2014 segna un ottimo risultato con oltre 5,2 miliardi di €uro.

Il traffico passeggeri nel 2014 registra 1.080.116 transiti, pari a -8% rispetto all’anno precedete.
Il calo dipende principalmente dal traffico delle crociere, mentre il traffico traghetti rimane sostanzialmente stabile con 1.042.896 passeggeri.

“I risultati di traffico dell’anno appena trascorso sono molto incoraggianti, considerata la delicata situazione economica a livello generale – ha concluso il Presidente Giampieri – Ci sono segnali importanti di inversione di tendenza che ci portano a guardare al futuro con ragionato ottimismo.
L’Autorità Portuale continuerà a fare la sua parte per accelerare i tempi di realizzazione delle opere infrastrutturali e per migliorare gli standard dei servizi portuali”.





A proposito di Direttamente dalle Aziende