Questo sito richiede JavaScript per funzionare correttamente. Si prega di abilitare JavaScript nel browser e ricaricare la pagina.
Lenze continua a credere nei giovani premiandone il merito

Palletways_investe_in_un_nuovo_hub_in_Germania




19 Gennaio 2017

Palletways investe in un nuovo hub in Germania

Comunicato stampa

Palletways Group, il principale network specializzato nella distribuzione di merce pallettizzata in Europa, ha potenziato i suoi servizi grazie all’apertura di un nuovo hub internazionale da 10 milioni di euro a Knüllwald, nella Germania centrale.

L’hub è già operativo e migliorerà la gestione dei flussi tra Italia e Germania in termini di velocità, efficienze dei costi e visibilità sulle spedizioni.
L’investimento di Palletways nella nuova struttura fa parte di un importante programma di sviluppo della rete europea finalizzato al miglioramento continuo dei servizi di ritiro e distribuzione.

L’hub risponde inoltre all’esigenza di far fronte ai volumi crescenti attualmente gestiti dai 56 concessionari del network tedesco.
Il nuovo sito, che si sviluppa su una superficie di 50.000 m2, comprende un’area coperta di 7.300 m2, destinata alla movimentazione delle merci.

Luis Zubialde, chief operating officer di Palletways Group, ha dichiarato: “Il 2016 è stato un anno record per il gruppo e quest’anno, l’attenzione sarà focalizzata sul continuare a migliorare la nostra infrastruttura e rafforzare i collegamenti e la qualità del servizio nei 20 paesi europei in cui operiamo.
L’hub di Knüllwald supporterà le nostre ambizioni di crescita in Germania e migliorerà la nostra offerta paneuropea, rivolta anche a molti clienti italiani”.

James Wilson, CEO di Palletways Group, ha aggiunto: “Negli ultimi dieci anni, la nostra rete europea ha registrato una crescita significativa e costante.
Solo lo scorso anno abbiamo aggiunto al nostro network tre nuovi hub, tra cui Lione e Montpellier.
Stiamo anche investendo in avanzati sistemi informatici e abbiamo migliorato le infrastrutture per offrire il miglior servizio possibile per i nostri Concessionari e Clienti”.





A proposito di Direttamente dalle Aziende