Una ricerca di SRM mostra la forte crescita del traffico merci nel Mediterraneo, soprattutto per le rotte dall’Oriente. L’Italia però non sa approfittare della situazione.




Trasporti Nazionali e Internazionali

Flussi in crescita nel Mediterraneo, ma l’Italia non sta al passo.

1 Luglio 2015

La ricerca di SRM Studi e Ricerche per il Mezzogiorno mostra che i flussi commerciali che interessano l’intero Mediterraneo sono in forte crescita: il traffico delle merci è più che raddoppiato negli ultimi tredici anni (+123%) e dal 2015 il traffico marittimo globale è passato dal 15% al 19%.

In particolare, ad aumentare sono le rotte dall’Oriente: il traffico dal Golfo Persico è aumentato del 160% e quello dal Medio ed Estremo Oriente del 92%.
Questa crescita ha aumentato anche il peso dei porti mediterranei rispetto a quelli del Nord Europa.

Non tutti i porti del Mediterraneo però ricevono uguali benefici da questa crescita: si tengono al passo soprattutto quelli della sponda meridionale, trainati dal marocchino TangerMed.
Crescono in modo forte anche il Pireo, lo spagnolo Algeciras e l’egiziano Port Said.

Il raddoppio del Canale di Suez potrà aumentare ancor più il passaggio di container dal Mediterraneo.
I porti italiani, però, non sanno approfittare di questa situazione, con la riforma portuale che ancora arranca tra annunci e polemiche.





A proposito di Trasporti Nazionali e Internazionali