Le soluzioni all'avanguardia offerte dall'azienda genovese nel campo della logistica intermodale conquistano Spagna, Portogallo, Olanda e Romania.




Hardware e Software per il Magazzino

Circle, l’innovazione italiana conquista l’Europa.

5 Giugno 2014

I sistemi logistici studiati dall’azienda genovese Circle, che permettono una riduzione di tempi e costi nella movimentazione dei prodotti che si aggira fra il 20 e il 35%, si stanno diffondendo anche in Europa.

“WiderMos” è il progetto europeo che, in collaborazione con l’Autorità portuale di Spezia e l’Agenzia delle Dogane, prevede azioni pilota per il migliorare i collegamenti tra porti e retroporti, promuovendo l’intermodalità e semplificando le procedure di controllo della merce per rendere più efficiente i processi logistici e doganali lungo il corridoio Helsinki-La Valletta.

Fra gli altri progetti di Circle, nuovi contratti firmati in Olanda e Romania, una gara vinta nel porto spagnolo di Melilla ed una consulenza per il Ministero dei Trasporti del Portogallo.

“Come azienda siamo sempre più improntati all’internazionalizzazione – spiega il CEO di Circle, Luca Abatello – e stiamo ottenendo ottimi riscontri su tutti i servizi offerti ai nostri clienti che oggi sono soprattutto terminal portuali, interportuali, porti ma anche aziende private ed aziende dello shipping che hanno necessità di muovere le loro merci nel modo più veloce ed efficiente possibile”.

In collaborazione con Iai (Israel Aerospace Industries) Circle parteciperà inoltre a Toc Europe 2014 (Londra, 24 – 26 giugno), la fiera internazionale dedicata a tecnologia e operations di porti e terminal, per presentare le sue soluzioni.





A proposito di Hardware e Software per il Magazzino