Esploriamo l'approccio innovativo di Muovo nella gestione delle scorte, evidenziando come la tecnologia possa ridurre costi e incrementare l'efficienza in ambito logistico




Non si può non sapere

Scorte e logistica, come mi MUOVO?

9 Maggio 2024

Il concetto di logistica come funzione aziendale basata sul coordinamento e l’integrazione di tutte le attività che supportano il flusso fisico delle merci dentro e fuori dell’azienda (supply chain) è ormai universalmente condiviso ma in realtà, non completamente applicato.
È un peccato, perché probabilmente uno dei segreti del successo nel creare una logistica “superiore” e competitiva è proprio quello di considerare contemporaneamente tutte e tre le grandi variabili di manovra dell’area logistica.
Tali variabili, ma potremmo dire anche tali centri di costo, o meglio, tali centri di servizio, sono: i trasporti, il magazzino, le scorte.
Proprio queste ultime, le care vecchie scorte, vanno riscoperte: ciò non significa che si debbano conservare grandi quantitativi di scorta di prodotto, anche se qualche volta potrebbe valerne la pena, ma solamente che bisogna restituire valore primario, o meglio strategico, a questa componente della logistica che è forse stata uno dei primi argomenti dei logistici moderni, ma che poi è stata man mano sottovalutata ed accantonata.

Si, è proprio un peccato, le cose potrebbero funzionare meglio e le aziende potrebbero essere più competitive se quotidianamente, ci si sforzasse di pensare quanto convenga “lavorare” di più sulle scorte abbassando i costi e aumentando il livello di servizio ai clienti.
Va ricordato che le scorte sono una variabile logistica poco “spremuta” sia al confronto dei trasporti, perché le aziende di autotrasporto “rimaste” sono generalmente abbastanza ben organizzate e le tariffe sono spesso già ridotte all’osso, sia al confronto dei magazzini che non è sempre possibile e/o conveniente rendere più efficienti o terziarizzare e sui quali è comunque sempre costoso intervenire.
Per tutti questi motivi lavorare sulle scorte non è dunque facile ma è comunque relativamente poco costoso e probabilmente molto redditizio.

IMS Muovo: innovazione nella gestione delle scorte

MUOVO è una start-up italiana focalizzata sulla digitalizzazione dei processi logistici attraverso l’uso di tecnologie avanzate.
Fondata come spin-off dalla Divisione Digital Transformation di AB Coplan, MUOVO ha il suo fulcro operativo tra Lombardia e Emilia-Romagna e si dedica allo sviluppo di software per la supply chain.
Tra i suoi prodotti principali troviamo l’Inventory Management System (IMS), uno strumento concepito per migliorare la gestione delle scorte attraverso l’utilizzo di algoritmi predittivi che permettono alle aziende di adeguare i livelli di scorta in base alla domanda prevista.
L’IMS di MUOVO è progettato per fornire una serie di funzionalità chiave, tra cui la previsione della domanda, la pianificazione dei trasferimenti di scorte, il calcolo dei requisiti e la generazione di proposte di ordine a fornitori.
Queste funzionalità aiutano le aziende a ottimizzare i loro processi di approvvigionamento e distribuzione, contribuendo a ridurre i costi e a migliorare l’efficienza operativa.
L’approccio di MUOVO alla gestione delle scorte è particolarmente rilevante per le aziende che affrontano sfide legate a costi eccessivi e inefficienze nei processi logistici.
Con numerose installazioni già operative presso aziende leader in vari settori, MUOVO dimostra come la tecnologia possa essere efficacemente impiegata per trasformare le pratiche tradizionali di supply chain in soluzioni più agili e meno onerose.

Per saperne di più visita il sito ufficiale di MUOVO





A proposito di Non si può non sapere