Una trattativa cruciale per il futuro del settore: sicurezza, innovazione e sostenibilità al centro del rinnovo del CCNL trasporti e logistica. Scopri di più




Trend

CCNL trasporti e della logistica: le proposte sindacali per il benessere dei lavoratori

8 Dicembre 2023

Nel cuore di Roma, presso la sede della CNA, si è aperto un capitolo decisivo per il settore trasporti e logistica: il rinnovo del contratto di lavoro CCNL, in scadenza il 30 marzo 2024.
Questo momento segna l’inizio di una trattativa che mira a un equilibrio tra esigenze aziendali e diritti dei lavoratori, con una particolare enfasi su sicurezza e salute sul posto di lavoro.
Il settore logistico sta vivendo una trasformazione, con l’integrazione di tecnologie avanzate come il 5G, l’intelligenza artificiale e la blockchain.
Questo periodo di innovazione richiede un supporto legislativo adeguato, specialmente considerando l’impatto economico del conflitto Russo-Ucraino e i cambiamenti post-pandemia, che hanno visto una riorganizzazione logistica con magazzini sempre più vicini alle aree industriali.
In questo contesto, i Piani Urbani per la Mobilità Sostenibile giocano un ruolo fondamentale.

Nuovi obiettivi economici e contrattuali

Le richieste economiche per il nuovo triennio si concentrano su un aumento del 18% del Trattamento Economico Complessivo, considerando l’inflazione e la redditività del settore.
Inoltre, si punta a una struttura contrattuale triennale che affronti i nuovi equilibri di mercato e la qualificazione professionale.
Una particolare attenzione viene rivolta alla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, specialmente nei settori tecnologici.
Si evidenzia l’importanza di dispositivi innovativi come gli esoscheletri per ridurre lo sforzo fisico nei magazzini e si richiede un’attenta valutazione delle tecnologie per il benessere dei lavoratori.
Si propone l’estensione delle tutele in caso di cambio di azienda fornitrice e una revisione legislativa per contrastare le infiltrazioni illegali.
Per il mercato del lavoro, si enfatizza la necessità di ridurre la precarietà, promuovendo il contratto a tempo indeterminato e incentivando la cooperazione.
Un aumento della contribuzione aziendale per la previdenza complementare è richiesto, insieme a un impegno per la salute e sicurezza sul lavoro.
Si chiede inoltre un ampliamento degli interventi di sostegno al reddito e formazione professionale in risposta alle innovazioni tecnologiche.

Vuoi conoscere in anteprima le notizie pubblicate su Logisticamente.it?
Ricevi la newsletter gratuita per rimanere aggiornato sulle ultime novità del mondo della logistica





A proposito di Trend