Oggi i robot si possono noleggiare, ed è sfatato il mito secondo cui toglierebbero lavoro agli uomini




Trend

L’innovazione robotica per le PMI e i lavoratori ai tempi di Industria 4.0

15 Luglio 2019

Secondo un’analisi condotta dall’IFR (International Federation of Robotics) entro il 2020 il numero di installazioni robotiche utilizzate negli ambienti di lavoro crescerà notevolmente, passando da quota 1,8 milioni fino a quota 3 milioni.

È infatti verso l’automazione e la robotica che si sta muovendo il mercato, soprattutto quello delle piccole e medie imprese, che ad oggi copre una notevole fetta del mercato.
Attraverso il sistema del Machine Learning i robot saranno capaci di apprendere dall’uomo dimostrandosi un’utile risorsa soprattutto per lavori che richiedono particolari sforzi fisici.

L’obiettivo sarà quindi aumentare la velocità e la capacità produttiva e sarà raggiunto con la stessa ottica di progresso che vede protagonista le innovazioni fin dai tempi della rivoluzione industriale.

A sostegno di queste aziende scende in campo la Mobile Industrial Robots (MIR) che, ponendo particolare attenzione all’aspetto economico, ha studiato in collaborazione con partner e distributori diversi metodi per permettere alle aziende di affittare i robot come alternativa all’acquisto.

Il progetto, promosso dalla MIR e chiamato “Robot as a Service”, propone soluzioni versatili e personalizzabili in grado di adattarsi alle esigenze del cliente.

Da evidenziare fra i vantaggi offerti da questa nuova “forza lavoro” è sicuramente la capacità di creare ambienti più sicuri attraverso un tipo di tecnologia che li rende capaci di evitare ostacoli oltre che di prestarsi al sollevamento e spostamento di carichi.

Da sfatare infine il mito dell’uomo sostituito dalla tecnologia: la storia infatti ci insegna, attraverso le più svariate invenzioni, che il progresso tecnologico può offrire nuovi modelli di lavoro che richiederanno quindi la formazione di diverse figure professionali.





A proposito di Trend