Questo sito richiede JavaScript per funzionare correttamente. Si prega di abilitare JavaScript nel browser e ricaricare la pagina.
SANILOG: Piero Lazzeri riconfermato Presidente di Sanilog

Sanilog ha riconfermato Pietro Lazzeri alla guida del Fondo per il triennio 2024-2027 e nominato Walter Barbieri nuovo Vicepresidente




11 Giugno 2024

SANILOG: Piero Lazzeri riconfermato Presidente di Sanilog

(Comunicato stampa)

Piero Lazzeri è stato riconfermato per il prossimo triennio 2024-2027 Presidente di Sanilog, il fondo integrativo del Servizio Sanitario Nazionale per il personale dipendente del settore cui si applica il contratto collettivo nazionale del lavoro logistica, trasporto merci e spedizione.
Lazzeri è stato nominato dal Consiglio di Amministrazione del fondo riunitosi quest’oggi.

Le dichiarazioni e gli obbiettivi futuri

“Sono profondamente grato al Consiglio e all’Assemblea per la rinnovata fiducia alla guida di Sanilog, oggi quinto fondo sanitario integrativo contrattuale in Italia per numero di iscritti.” ha commentato il riconfermato presidente Piero Lazzeri.
“Insieme al nuovo Consiglio di Amministrazione – ha aggiunto Lazzeri – proseguiremo nel percorso di miglioramento della copertura sanitaria attraverso l’inserimento di nuove prestazioni con un focus sui disturbi che più spesso caratterizzano i lavoratori della filiera logistica.”

Tra le principali linee guida del programma figura anche il raggiungimento dei 320mila iscritti entro la fine dell’anno in corso e della soglia dei 400mila entro il termine del mandato.

Confermato, inoltre, l’impegno del fondo a proseguire nella campagna di sensibilizzazione sull’importanza della prevenzione e dell’adozione dei corretti stili di vita attraverso nuove azioni e iniziative.
“L’esperienza maturata da Sanilog in oltre dieci anni di attività – ha proseguito Lazzeri – dimostra come attraverso il passaggio da una logica meramente rimborsuale e indennitaria a una virtuosa prospettiva di educazione sanitaria sia possibile migliorare ulteriormente la qualità della vita dei lavoratori tutelando il loro diritto costituzionale alla salute.”

Previste, infine, nuove iniziative di comunicazione rivolte alle aziende, per proseguire la campagna contro il mancato rispetto dell’obbligo di iscrizione dei dipendenti a Sanilog (previsto dall’articolo 51 del CCNL di settore), e alla platea di iscritti, per incentivare l’utilizzo delle prestazioni.
L’operato di Sanilog contribuisce ad accrescere la consapevolezza dell’importanza della sanità integrativa nel nostro Paese a supporto del Servizio sanitario nazionale.
Il fondo, che negli ultimi dieci anni ha più che quintuplicato il numero di iscritti, è stato tra i primi fondi integrativi sanitari nazionali ad aver inserito permanentemente una copertura sanitaria per la pandemia, attraverso l’introduzione di un pacchetto gratuito di prestazioni in caso di conseguenze gravi causate dal Covid-19.

Sanilog ha inoltre recentemente lanciato una campagna straordinaria di prevenzione oncologica su cinque aree (senologica, urologica, dermatologica, colon-retto e polmonare) che consentirà ai lavoratori della filiera logistica di beneficiare gratuitamente fino al 31 dicembre 2024 di una nuova gamma di prestazioni che hanno come obiettivo l’individuazione precoce di eventuali forme tumorali.

Il nuovo Consiglio di Amministrazione di Sanilog ha inoltre nominato Walter Barbieri – Coordinatore Nazionale Settore Logistica, Trasporto Merci e Spedizione di Uiltrasporti – nuovo vicepresidente del fondo per il prossimo triennio.
Barbieri affiancherà il Presidente nell’espletamento delle sue funzioni rappresentando il punto di vista delle lavoratrici e dei lavoratori della filiera logistica.

“Ringrazio il Consiglio di Amministrazione di Sanilog per una nomina che rappresenta per me motivo di orgoglio e, allo stesso tempo, responsabilità nei confronti dei lavoratori della filiera logistica.” ha dichiarato Walter Barbieri.

“L’iscrizione a Sanilog – ha proseguito Barbieri – è un diritto dei dipendenti della logistica, trasporto merci e spedizione che ancora troppe aziende del comparto non riconoscono.
Una situazione inaccettabile che va combattuta con forza, perché è solo attraverso l’allargamento del numero di aziende aderenti al fondo che sarà possibile migliorare ulteriormente la copertura sanitaria per la platea dei nostri iscritti.”





A proposito di Direttamente dalle Aziende