Lo studio condotto da Packlink sull'importanza del tracciamento in tempo reale ha rilevato che il 51% dei consumatori vuole aggiornamenti giornalieri sulle spedizioni




30 Aprile 2024

Packlink: un nuovo studio sull’importanza del tracciamento in tempo reale

(Comunicato stampa)

In un mondo sempre più connesso in cui la tecnologia ci permette di essere informati in tempo reale su ciò che accade, anche il settore dell’e-commerce e della logistica sta vivendo una nuova tappa.
Il tracciamento in tempo reale delle proprie spedizioni ed acquisti online è, ad esempio, uno dei trend principali del 2024, permettendo all’acquirente di essere informato sullo stato delle proprie spedizioni e monitorare le consegne.

In questo contesto/scenario, uno studio realizzato da Packlink, la piattaforma leader nelle soluzioni logistiche, indica che il 35% degli italiani si aspetta di ricevere aggiornamenti in tempo reale sullo stato delle proprie spedizioni tramite email, rispetto al 33% che privilegia l’integrazione online di tutte le comunicazioni, attraverso l’applicazione stessa o il sito web del brand.

I consumatori italiani sono impazienti

Oltre al modo in cui vengono comunicati gli aggiornamenti sulla spedizione, i consumatori spiegano anche le loro preferenze riguardo alla frequenza con cui ricevono queste informazioni.
Pertanto, il 51,7% degli intervistati si aspetta di ricevere notifiche quotidiane sullo stato dei propri ordini online, mentre il 31,5% preferisce aggiornamenti periodici. In questo modo, il 10,9% degli intervistati ritiene necessario ricevere le notifiche solo dopo la spedizione e il 4,5% al momento della consegna.

Priorità diverse per i venditori

Sebbene i consumatori si aspettino notifiche frequenti, il 42% dei venditori comunica questo tipo di informazioni solo al momento della spedizione.
Tuttavia, il 26% è d’accordo con l’invio di aggiornamenti periodici agli acquirenti, mentre il 18% non ritiene necessario inviare alcun tipo di notifica durante tutto il processo di spedizione.

AI ed analisi dei dati

Un altro aspetto interessante, in questo senso, è l’uso dell’IA nel facilitare e snellire la customer experience: a questo proposito il 28,5% dei retailers sarebbero interessati ad usarla per mandare aggiornamenti agli acquirenti in merito ai propri ordini.
Questo potrà avere un impatto anche sullo sviluppo tra i fornitori di servizi logistici nell’analisi dei dati e nelle capacità di tracciamento istantaneo e di notifica delle interruzioni del trasporto.

“Questo studio evidenzia l’importanza del tracciamento per gli acquirenti, che  richiedono informazioni costanti per assicurarsi che il proprio ordine sia in arrivo.
Pertanto, è importante che i rivenditori sappiano come adattare le comunicazioni alle aspettative dei consumatori, con l’aiuto delle nuove tecnologie e dell’AI.”, afferma Noelia Lázaro, Direttrice Marketing di Packlink.

 





A proposito di Direttamente dalle Aziende