Questo sito richiede JavaScript per funzionare correttamente. Si prega di abilitare JavaScript nel browser e ricaricare la pagina.
Jungheinrich al CeMAT.

Nexive_futuro_per_connettere_lItalia




19 Maggio 2014

Nexive: futuro per connettere l’Italia.

Ieri TNT Post, oggi Nexive. Cambia nome e identità il primo operatore postale privato sul territorio italiano.
L’azienda, che ha modificato il modo di intendere la posta in Italia e vuole continuare a farlo, riparte mantenendo saldi i propri valori e trasferendoli alla nuova identità, capitalizzando la propria storia per costruire le basi del futuro.

“Nexive segna un cambiamento di passo.
Il passaggio al nuovo nome ha un importante valore strategico: Nexive significa connessione, modernità e futuro.
Diventare Nexive per noi significa rafforzare il nostro essere la piattaforma per eccellenza nel recapito della posta e dell’ecommerce.
Lo facciamo e lo faremo attraverso soluzioni intelligenti, innovative e semplici per creare luoghi fisici e digitali di connessione fra aziende e consumatori e tra pubbliche amministrazioni e cittadini” spiega Luca Palermo, AD Nexive.

Nexive si presenta con tutte le carte in regola per connettere il Paese: un modello cooperativo di impresa fatto di una rete di partner che presidiano il territorio e ascoltano le esigenze delle realtà locali; 12 bacini, 12 centri smistamento e 600 filiali dirette e indirette sul territorio; tecnologie all’avanguardia nel settore postale che offrono ai clienti un servizio di gestione documentale a ciclo completo esclusivo; un’organizzazione fatta di oltre 5.500 addetti che rappresentano il vero valore dell’azienda.

“Il viaggio verso Nexive è iniziato a marzo scorso – afferma Valentina Pavan, responsabile Corporate Communication Nexive – quando sono partite le prime buste a doppio logo. Il punto di arrivo sarà lunedì 19 maggio, il giorno dello switch off, quando oltre 2.300 insegne e vetrofanie, le divise di 4mila postini e 2mila veicoli diventeranno Nexive.

In contemporanea partirà una campagna pubblicitaria da oltre 10 milioni di investimento lordo, un grande sforzo economico per raggiungere davvero tutti”.





A proposito di Direttamente dalle Aziende