Immobiliare_Logistico_verso_la_risalita




16 Febbraio 2015

Immobiliare Logistico: verso la risalita.

“Una generale stabilizzazione dei valori e un mercato in lenta ripresa”: lo rivela la XVIII edizione del Borsino Immobiliare della Logistica secondo semestre 2014, elaborato da World Capital Group.
“Uno scenario che nel complesso si presenta inalterato rispetto ai precedenti mesi e che altresì attesta una lieve crescita specie nei canoni di locazione”.

“Tra le piazze logistiche italiane – dichiara Neda Aghabegloo, Head of Research di World Capital – a mostrare un andamento particolarmente positivo nell’ultimo semestre sono Torino, Parma, Caserta e Verona, seguite da Novara, Rovigo e Nola; più sofferenti, invece, Piacenza, Padova, Bergamo, Prato e Sassari.
Milano si conferma la capitale dell’immobiliare logistico, con il valore più alto di vendita del nuovo, 910 €/mq, mentre Genova registra la miglior performance nella locazione del nuovo, con un canone massimo di 60 €/mq/anno.

Riguardo la vendita di immobili usati – puntualizza Neda Aghabegloo – la maggior parte delle location evidenziavalori uguali al semestre precedente, eccetto realtà come Trento, Napoli e Palermo, che subiscono un calo del 4%, e Firenze, Prato e Lecce del 3%.
La vendita del nuovo osserva invece un andamento meno positivo, causa l’aumento del tempo di vacancy, e registra il massimo ribasso a Bergamo, Genova e Gioia Tauro (-5%), seguite da Parma, Civitavecchia, Perugia e Prato (-4%); uniche città a evidenziare un’interessante crescita del +6%, sono Caserta e Lecce.

Nel caso della locazione – prosegue Neda Aghabegloo – per l’usato si attesta un incremento dei valori in particolare al Nord, Bologna e Rimini troneggiano con +8%, e al sud con + 6% di Caserta; la riduzione più accentuata si verifica invece nelle piazze di Piacenza (-6%), Bergamo (-5%) e Prato (-4%).
La locazione del nuovo, al contrario, registra un andamento migliore rispetto al semestre precedente, segnale di una ripresa del mercato, specialmente nelle città di Novara (+6%) e Rovigo (+4%).

Riguardo in ultimo i trend di vendita e di locazione – conclude Neda Aghabegloo – per il nuovo, il valore medio di vendita risulta sia 715 €/mq al nord, 730 €/mq al centro, 670 €/mq al sud e sulle isole; il canone medio di locazione appare invece 46 €/mq/anno al nord, 45 €/mq/anno al centro, 41 €/mq/anno al sud e sulle isole.

Osservando ancora i prezzi massimi e minimi, nel caso del nuovo, il valore massimo di vendita si registra a Milano (910 €/mq), quello minimo a Bari e Novara (520 €/mq), mentre il più alto canone di locazione si riscontra a Genova (60 €/mq/anno), il più basso a Bari e Piacenza (32€/mq/anno). Per l’usato, il prezzo massimo di vendita si rileva a Livorno (730 €/mq), quello minimo a Piacenza, Novara e Pescara (400 €/mq), mentre il più alto canone di locazione si osserva a Firenze (50 €/mq/anno), il più basso a Bari e Pescara (26 €/mq/anno).” 





A proposito di Direttamente dalle Aziende