Ecco ciò che è emerso durante la 13a edizione della Cool Logistics, l’evento che riunisce relatori provenienti lungo tutta la Supply Chain del freddo, in merito alla spedizione di container refrigerati




Trasporti Nazionali e Internazionali

Spedizione di container refrigerati (reefer): quali prospettive per il futuro?

4 Novembre 2021

L’arrivo della pandemia globale ha messo in serie difficoltà il settore marittimo, anche se la situazione pandemica è migliorata restano grandi incognite in questo settore, soprattutto per quanto riguarda la spedizione di container refrigerati (reefer).

A tal proposito, come emerso durante la 13a edizione della Cool Logistics, nel breve periodo i prezzi dei container refrigerati (reefer) rimarranno elevati, questo perché è presente un’elevata domanda sia di prodotti surgelati sia di carico secco, in particolare in Cina.
Inoltre, i carichi refrigerati sono più rischiosi e quindi meno redditizi per i vettori, un altro fattore che fa aumentare i prezzi.
Per i relatori, ci vorranno diversi anni prima che si torni alla “normalità” ma, anche in questo caso, i costi di spedizione rimarranno elevati, rispetto a quelli pre-pandemia.

I volumi dei container raggiungeranno oltre il 90% entro il 2024, spinti dal calo dei carichi refrigerati specializzati.
Lo scorso anno, i volumi containerizzati sono cresciuti di 5,4 milioni di teu.

Le previsioni indicano che la capacità diminuirà del 9% nei prossimi anni e si teme possano verificarsi dei problemi sulla disponibilità delle attrezzature.
Già prima della pandemia esistevano dei problemi in tal senso, ma la situazione ora è più complessa, nonostante una produzione record di container, aumentata del 15% nel 2020, e che dovrebbe crescere ancora del 30% nel 2021.

Vuoi saperne di più sul presente e sul futuro delle spedizioni internazionali?
Leggi l’intervista a Crasta Spedizioni

Si prevede che la disponibilità di container rimarrà limitata a causa delle attrezzature bloccate nell’entroterra o in attesa nei porti.
Si tratta di un grande squilibrio commerciale, dovuto principalmente al fatto che l’Asia è un importatore netto.
Le tariffe di noleggio hanno registrato un forte aumento e lo scorso anno sono raddoppiate.

Si prevede che si avrà un ulteriore aumento del 50% nel corso dell’anno.
C’è stato un grande picco nelle rotte commerciali est-ovest, ma non nelle rotte nord-sud.
Mediamente, le tariffe continueranno ad aumentare, man mano che le rotte nord-sud recupereranno terreno, con una media tra il 50-100% nel prossimo anno.
Questo è quello che è emerso durante la 13a edizione della Cool Logistics.

Vuoi conoscere in anteprima le notizie pubblicate su Logisticamente.it?

Ricevi la newsletter gratuita per rimanere aggiornato sulle ultime novità del mondo della logistica





A proposito di Trasporti Nazionali e Internazionali