Questo sito richiede JavaScript per funzionare correttamente. Si prega di abilitare JavaScript nel browser e ricaricare la pagina.
L’appello in classe oggi lo fa il microchip.

Nel Texas studenti "taggati", tramite un microchip a radiofrequenza RFID ne verrà rilevata la posizione.




Hardware e Software per il Magazzino

L’appello in classe oggi lo fa il microchip.

29 Maggio 2012

Dimenticate i tempi in cui per evitare l’interrogazione vi nascondevate nel bagno del liceo.
Ora se sei a scuola te lo dirà un semplice schermo, specificando anche se sei a lezione o meno.

La novità arriva dal Texas, dove le scuole adotteranno un sistema di rilevamento automatico della presenza degli allievi durante gli orari scolastici basato sull’utilizzo delle radiofrequenze.

Non più giri in cortile o barricate dietro le schiene dei compagni, dunque, per gli studenti americani.

Questi, infatti, saranno “taggati”, proprio come fossero nel loro social network preferito.
Accade nel Northside Independent School District, Contea di Bexar, dove i ragazzi avranno a disposizione un microchip dotato di antenna, detto tag, che sarà in grado di trasmettere le informazioni ad un dispositivo di letture a radiofrequenza RFID.

Per ora, i ragazzi “taggati” sono solo quelli della John Jay High School e della Anson Jones Middle School, i due istituti protagonisti del progetto pilota.

Sicurezza e battaglia all’assenteismo scolastico sono le motivazioni portanti.
Anche se la richiesta di maggiori risorse da parte dello Stato incide, poiché gli istituti vengono finanziati proprio in base al loro tasso di frequenza.

112 sono le scuole del distretto che, se il progetto risulterà positivo, verranno “taggate” assieme ai loro 100mila studenti.





A proposito di Hardware e Software per il Magazzino