Con la rubrica “Top 5”, Logisticamente riassume quali sono le notizie pubblicate nel mese di dicembre che hanno suscitato maggiore interesse nei lettori




Trend

Top 5 logistica: scopri quali sono le notizie più lette nel mese di dicembre su Logisticamente

11 Gennaio 2024

Nuovi trend di mercato, logistica di magazzino e importanti sviluppi sul mondo del trasporto: ecco gli argomenti che hanno suscitato maggiore interesse tra i lettori di Logisticamente.it.
Attraverso una breve classifica contenente 5 notizie pubblicate nel mese di dicembre, vediamo insieme quali sono state le notizie più lette e apprezzate dai lettori.

La TOP 5 di dicembre

Al primo posto troviamo “Competenze e prospettive di Multilog nella contract logistics e nel trasporto”.
Esperienza internazionale a tutti i livelli della logistica, know-how e visione, e per concludere una naturale predisposizione a far crescere le realtà in cui lavora.
Andrea Ambrogio, Direttore Generale di Multilog, player della logistica integrata, ha le idee molto chiare sui passi che dovrà compiere al timone del provider che ha il suo cuore pulsante tra Torino e Napoli.
La redazione di Logisticamente.it ha dedicato un interessante articolo su questo tema.

Secondo posto per “CCNL trasporti e della logistica: le proposte sindacali per il benessere dei lavoratori”.
Nel cuore di Roma, presso la sede della CNA, si è aperto un capitolo decisivo per il settore trasporti e logistica: il rinnovo del contratto di lavoro CCNL, in scadenza il 30 marzo 2024.
Questo momento segna l’inizio di una trattativa che mira a un equilibrio tra esigenze aziendali e diritti dei lavoratori, con una particolare enfasi su sicurezza e salute sul posto di lavoro.
Il settore logistico sta vivendo una trasformazione, con l’integrazione di tecnologie avanzate come il 5G, l’intelligenza artificiale e la blockchain.

Al terzo posto troviamo “Quali saranno i trend nella logistica nel 2024? Intervista a Paolo Azzali e Stefano Bianchi di AB Coplan”.
Il 2024 si profila come un anno cruciale per il settore logistico, segnato da importanti trasformazioni.
Queste evoluzioni sono guidate dall’interazione di progressi tecnologici, cambiamenti nelle preferenze dei consumatori e una maggiore attenzione all’ambiente, ridefinendo così gli standard del settore.
Per comprendere appieno le sfide e le opportunità del settore, Logisticamente.it ha intervistato Paolo Azzali e Stefano Bianchi, fondatori di AB Coplan, che ci hanno guidato in un viaggio attraverso le tendenze emergenti e le strategie innovative che caratterizzeranno il futuro della supply chain.
AB Coplan, da oltre 20 anni, esamina approfonditamente le tendenze emergenti che plasmeranno il futuro della logistica e in qualità di consulenti supportano i loro clienti nell’ottenere i risultati necessari per emergere o mantenere una posizione di rilievo nel campo della logistica e dell’intralogistica.

Quarto posto per “Trasporto ferroviario: il futuro della logistica di Amazon”.
Amarcords, azienda milanese nata nel 2015, si è distinta nel panorama del design italiano grazie alla produzione di lampadine e accessori LED dall’estetica vintage.
Questa realtà imprenditoriale, guidata dalla visione del suo fondatore Marco Avarello, si dedica a creare prodotti che fondono l’eredità storica dell’illuminazione con tecnologie moderne a basso consumo energetico.
La collaborazione con Amazon ha segnato un punto di svolta per Amarcords, permettendo all’azienda di raggiungere un vasto pubblico europeo.
Questa sinergia tra design italiano e logistica globale evidenzia l’importanza di Amazon nel supportare la crescita delle PMI italiane, consentendo loro di superare le barriere geografiche e di accedere a nuovi mercati.

Infine nella top 5 troviamo “Quali sono le nuove frontiere del Warehouse Management nell’epoca digitale?”.
L’avvento e la crescita esponenziale dell’e-commerce hanno portato a una trasformazione radicale nella gestione dei magazzini.
Oggi, assistiamo a un’epoca in cui l’automazione delle operazioni di picking, movimentazione e imballaggio si fonde con le operazioni manuali, creando un ambiente ibrido.
Questo scenario richiede un controllo meticoloso, che non solo coordina diversi task su piani sia logici che fisici, ma sfrutta anche i dati per sincronizzare i meccanismi di automazione con gli interventi manuali.
L’obiettivo è anticipare le attività più lente per sviluppare un’operatività coerente e rispondere efficacemente alle aspettative dei clienti.

Vuoi conoscere in anteprima le notizie pubblicate su Logisticamente.it?
Ricevi la newsletter gratuita per rimanere aggiornato sulle ultime novità del mondo della logistica





A proposito di Trend