John Pearson, CEO DHL Express

La connessione globale ci rafforza: ne abbiamo bisogno di più, non di meno

01 giugno 2020
(Comunicato stampa)

Di connessione globale e di come le interazioni a livello logistico stanno cambiando ne ha parlato John Pearson, CEO DHL Express.

Oggi in molti speculano su una ritirata della globalizzazione, su una formazione di blocchi economici in concorrenza, su catene di approvvigionamento più brevi, su una produzione nazionalista e sull'espansione delle principali industrie nazionali.

Nel mezzo di una pandemia, non sorprende di certo che i pessimisti e i critici della globalizzazione rivendichino il loro pensiero; chiunque sia stato scettico nei confronti della connessione globale prima ha trovato nuove ragioni ora. Tuttavia, è comprensibile che molte persone oggi siano preoccupate per il futuro dell'economia globale.

Siamo vivendo una profonda crisi. La forte recessione dell'economia mondiale dovuta alla pandemia di COVID 19 sembra peggiore della crisi finanziaria globale del 2008.

Secondo l'OMC, quest'anno i flussi commerciali globali potrebbero scendere fino a un terzo.
E le previsioni per i flussi di capitali sono simili, con gli investimenti diretti stranieri previsti in calo fino al 30-40% nel 2020/21.

Anche i viaggi all’estero sono in forte calo. Il numero di passeggeri sui voli internazionali dovrebbe diminuire di 1,5 miliardi quest'anno. Questi e vari altri effetti della crisi stanno mettendo a dura prova molte persone, aziende e settori dell'economia.

Una spinta per il nostro sistema immunitario


Nonostante le prospettive cupe per il 2020, non credo che vedremo un calo permanente e massiccio della connessione globale dopo la crisi.
Penso che la globalizzazione prenderà di nuovo piede. Anche gli scenari più pessimistici non prevedono un collasso dei flussi commerciali e dei capitali.

Al contrario, i ribassi previsti prevedono un ritorno a livelli che, negli anni 2000, erano ampiamente considerati un segno di iper-globalizzazione.
Allo stesso tempo, la pandemia in molti luoghi ha reso particolarmente chiaro quanto sia importante la globalizzazione per il nostro "sistema immunitario" economico e sociale.

Durante questa crisi, molte aziende che operano a livello globale si sono trovate in una posizione molto migliore rispetto alle aziende con un focus puramente nazionale o regionale.
Ciò ha senso: le società che operano in un solo paese sono interamente in balia della situazione locale.

Le aziende che operano in molti paesi, d'altra parte, sono più forti e più flessibili.
All'inizio della crisi, ad esempio, le società globali con attività commerciali in Cina hanno sofferto delle prime chiusure. Ma questo svantaggio iniziale si è trasformato in un vantaggio, con la ripresa in Cina che ora fornisce una spinta alle aziende che conducono affari lì.

Ogni settore è diverso, ovviamente, ma le aziende internazionali tendono a dimostrare maggiore resilienza in questo momento.

L'apertura mentale protegge dalla vulnerabilità


Per ragioni analoghe, credo anche che molte delle richieste di maggiore produzione interna e di rinazionalizzazione dei settori economici siano sbagliate.

Le catene di approvvigionamento nazionali non sono necessariamente più resistenti. Semmai, le catene di approvvigionamento dovranno essere più diversificate in futuro, il che significa più globalizzazione, non meno.

Altri articoli per Direttamente dalle Aziende

Video

Vedi tutti
Dalle Aziende

Conad Nord Ovest, la sfida vinta con Modula

11 maggio 2020
Dalle Aziende
Piattaforma Modula Cloud
08 aprile 2020
Dalle Aziende
Rire Hite presenta il sistema di avviso del traffico SAFE T SIGNAL
02 marzo 2020

Newsletter

Iscriviti alle nostre newsletter!

Ricevi gratuitamente informazioni e aggiornamenti in materia di logistica, trasporti, magazzino.

Seguici su Twitter

@logisticamente