Sistemi di magazzino

E-commerce e negozi: i Retailer italiani devono rinnovarsi

25 agosto 2016
A dirlo è la ricerca condotta da UPS, secondo cui i negozi europei ed italiani devono rinnovarsi in 3 aree della logistica per essere competitivi a livello internazionale e soddisfare i bisogni dei consumatori digitali.

Lo studio "UPS Pulse of the Omni-channel Retailer", infatti, rivela come il settore Retail stia assumendo grazie all’e-commerce una dimensione sempre più globale, motivo per cui necessita di mantenere o accrescere l’innovazione per conservare la propria quota di mercato, soprattutto a livello internazionale dove i leader sono player che effettuano vendite cross border.

Il punto focale della ricerca è che i retailer devono adattare le proprie supply chain in relazione ai cosiddetti ‘flex shopper’, ovvero gli acquirenti flessibili che acquistano online e non solo tramite i canali di vendita tradizionali, e che ricorrono ai social network per confrontare le offerte, in base alle quali poi sceglieranno cosa e come acquistare.

Per tali motivi i retailer devono rinnovarsi principalmente in 3 ambiti:
  • negozi fisici
  • esaurimento dei prodotti
  • resi transfrontalieri.
L'afflusso dei clienti nei negozi fisici diminuisce progressivamente a fronte dell’aumento dell’e-commerce, pertanto i retailer italiani hanno bisogno di superare il tradizionale concetto di negozio retail, ed utilizzarlo invece come parte del network di gestione scorte e distribuzione.

Per ciò che riguarda l’esaurimento dei prodotti, è necessario per i retailer italiani trasformare in vendita queste situazioni di crisi.
Lo studio condotto sull'omni-canale ha infatti evidenziato che le aziende online sono molto più reattive e preparate da questo punto di vista.
Il 68% dei retailer online offre infatti il tracking del prodotto e la consegna diretta al cliente quando il prodotto diventa disponibile.
Di contro, quasi la metà dei negozi fisici si limita a consigliare al cliente di attendere, senza proporre una valida alternativa.

In merito poi alla gestione dei resi, si sa che questo è un fattore chiave per il successo in ambito retail, anche per quanto riguarda l’e-commerce.
I retailer che hanno partecipato allo studio hanno dichiarato che le principali sfide in quest'area sono dettate dalla gestione dei beni difettosi e dall'esecuzione dei controlli di qualità.
La ricerca evidenzia inoltre la necessità per i retailer di affidarsi a fornitori terzi di servizi logistici per lo svolgimento di queste attività e più della metà ha dichiarato di farlo per una questione di efficientamento dei costi.

 

Altri articoli per Sistemi di magazzino

Ultimi articoli per Magazzino

Hardware e Software per il magazzino

Logistica 4.0: DTA lancia AGV a guida autonoma capaci di spostare fino a 30...

17 settembre 2021
Hardware e Software per il magazzino

“Magazzini al bivio”, al via il nuovo evento digitale di Logisticamente.it

06 settembre 2021
Hardware e Software per il magazzino

Codici a barre: quali vantaggi per la logistica di magazzino?

26 agosto 2021
Hardware e Software per il magazzino

Quali sono i vantaggi della logistica RFID?

17 agosto 2021
Hardware e Software per il magazzino

Che cos’è il WMS (Warehouse Management System)? Tutto quello da sapere

16 agosto 2021

Video

Vedi tutti
Dalle Aziende

Nuovo magazzino automatico di System Logistics per Gruppo Tosano

10 settembre 2021
Dalle Aziende
TGW - Living Logistics
06 settembre 2021
Eventi e Workshop
Logisticamente Out: il workshop in 60 secondi
29 maggio 2019

Newsletter

Iscriviti alle nostre newsletter!

Ricevi gratuitamente informazioni e aggiornamenti in materia di logistica, trasporti, magazzino.

Seguici su LinkedIn

Logisticamente.it