Questo sito richiede JavaScript per funzionare correttamente. Si prega di abilitare JavaScript nel browser e ricaricare la pagina.
L’interporto Vespucci sottoscrive un protocollo per ristabilizzare la propria situazione finanziaria

La Toscana vuole farsi trovare pronta alla sfida della competitività dei propri scali e infrastrutture.




Outsourcing

L’interporto Vespucci sottoscrive un protocollo per ristabilizzare la propria situazione finanziaria

13 Aprile 2016

Approvato, nell’ultima seduta della Giunta regionale, un pacchetto di interventi per ridare equilibrio alla situazione economico finanziaria della Società Interporto Amerigo Vespucci di Guasticce, in provincia di Livorno.

Tale pacchetto, previsto nel protocollo d’intesa tra la Regione Toscana, Autorità portuale e Interporto toscano, consentirà alla società di raggiungere gli obiettivi del Piano industriale previsti.

Tra i punti del pacchetto, la proroga tecnica della garanzia fideiussoria fino a un massimo di 28 milioni di euro che era stata concessa nel 2005: la scadenza del debito sarà posticipata fino alla fine del 2022, e sarà richiesta dalla Giunta del Consiglio regionale attraverso una modifica della legge finanziaria 2016.

Altri due punti fondamentali del pacchetto sono: l’impegno da parte dell’autorità portuale di Livorno di proporre al Comitato portuale la sottoscrizione di un aumento di capitale di più di 6,5 milioni e l’avvio delle procedure per acquisire un terreno di 50.000 metri quadri di proprietà della società Interporto, con una edificabilità del 50% a uso magazzini, al valore indicato dall’agenzia del Demanio di 4 milioni di euro.
La società si impegna inoltre a presentare un Piano industriale e di ristrutturazione aggiornato alle proposte del pacchetto.





A proposito di Outsourcing