Trasporti nazionali e internazionali

Autotrasporto: 10 motivi per cui sta morendo.

11 dicembre 2015
Perdita di potere contrattuale, tassi altissimi di incidentalità sulle strade a causa di pochi fondi sulla sicurezza e ancora norme e sistemi organizzativi che sembrano essere stati progettati su misura per favorire frammentazione.

Sono solo alcuni dei punti sviluppati e portati alla luce da Maurizio Longo, segretario generale di Trasportounito, che spiega perché lentamente l’autotrasporto nel nostro Paese sta morendo.

Ecco i dieci paradossi:
  1. In caso di incidente dovrebbero automaticamente scattare controlli da parte dell’autorità (art. 57 del Codice della Strada e ulteriori disposizioni specifiche), ma nonostante il costante incremento degli incidenti in cui sono coinvolti veicoli industriali, non risulta che sia stato mai compiuto un controllo sulla regolarità dei rapporti fra aziende di autotrasporto e committenza.

  2. I fondi stanziati per la sicurezza sono, nella stragrande maggioranza (circa 200 milioni/annui) destinati agli sconti dei pedaggi autostradali; questi sconti, però, con la sicurezza c’entrano ben poco, e la percentuale degli incidenti in cui sono coinvolti i veicoli industriali in autostrada sono aumentati del 12%.

  3. Per consentire l’esercizio dell’autotrasporto di merci su strada, la cui competizione avviene in presenza di utenza non professionale, esistono specifiche disposizioni di legge e combinati disposti che imporrebbero il pagamento delle prestazioni di autotrasporto a 30 giorni; in realtà la media dei pagamenti avviene a 90 giorni dalla data fattura e non è mai stata emessa una singola sanzione a carico dei committenti.

  4. Per l’esercizio alla professione l’Unione Europea ha chiesto a tutti i Paesi membri di utilizzare il Registro Elettronico Nazionale, mentre solo in Italia oltre al registro viene imposto il pagamento obbligatorio di tasse all’Albo nazionale degli Autotrasportatori.

  5. La politica ventennale relativa all’erogazione di risorse economiche per l’autotrasporto ha di fatto mantenuto un circuito vizioso che abbassa il costo delle prestazioni a beneficio della committenza.

  6. Viene imposto, in via teorica, giustamente, un sistema di tracciabilità per i rifiuti (Sistri) incassando dalle imprese centinaia di milioni di euro senza che il sistema funzioni e senza eliminare alcuna delle tante confusioni di carattere tecnico, procedurale e sanzionatorio.

  7. Tutti sostengono che il problema dell’autotrasporto derivi essenzialmente dalla sua parcellizzazione, mentre le norme sembrano perseguire il risultato opposto: proprio attraverso le disposizioni normative (accesso alla professione e accesso al mercato) viene incentivata la frammentazione dell’offerta di trasporto con conseguente, totale, perdita di potere contrattuale delle aziende.

  8. Negli ultimi 5 anni sono stati sottoscritti, con i rappresentanti del Governo che si sono succeduti, almeno 4 protocolli d’intesa contenenti impegni più precisi nell’individuazione delle risorse ma molto generici, e persino contraddittori, nell’individuazione di serie strategie nel settore dei trasporti e nell’autotrasporto. Mentre l’impegno sulla distribuzione asimmetrica delle risorse economiche è stato rispettato, gli impegni normativi e funzionali sono stati sempre disattesi o sono stati oggetto di costanti rinvii.

  9. Il tema del costo del lavoro e la produttività dell’impresa, in una competizione ormai internazionale, rappresenta una delle più grandi contraddizioni di matrice comunitaria fra distacchi transnazionali, difformità fiscali e sociali e cabotaggio stradale indecifrabile: in questa jungla si  “costringe” l’autotrasporto italiano a ricorrere necessariamente a espedienti o soluzioni spesso borderline.

  10. Cresce la percentuale del trasporto su strada delle merci rispetto ad altre modalità di trasporto, ma il PIL prodotto è in quota sempre minore di imprese italiane.

Altri articoli per Trasporti nazionali e internazionali

Trasporti nazionali e internazionali

Ultimi articoli per Trasporto

Trasporti nazionali e internazionali

Autotrasporto, un settore alla ricerca di un nuovo equilibrio

31 gennaio 2023
Servizi e accessori per il trasporto

Al via i test di Amazon Prime Air, il servizio di consegna con i droni

24 gennaio 2023
Trasporti nazionali e internazionali

Quali sono i camion più potenti al mondo? Ecco la top 10+1

13 gennaio 2023
Servizi e accessori per il trasporto

Logistica intermodale, al via i lavori del terzo nuovo terminal del Gruppo ...

30 dicembre 2022
Trasporti nazionali e internazionali

Logistica predittiva: quattro aziende pronte a creare un hub nelle aree ex ...

28 dicembre 2022
Trasporti nazionali e internazionali

Trasporto sostenibile, Lanutti dà il benvenuto al primo veicolo 100% elettr...

15 dicembre 2022
Trasporti nazionali e internazionali

Savise Express e One Express: la Sicilia come hub cruciale nel Mediterraneo...

15 dicembre 2022
Trasporti nazionali e internazionali

Logistica sostenibile: per LC3 Trasporti in arrivo mezzi elettrici alimenta...

09 dicembre 2022
Trasporti nazionali e internazionali

Decarbonizzazione trasporti, Coca-Cola rinnova la flotta con i camion elett...

07 dicembre 2022
Trasporti nazionali e internazionali

Trasporto marittimo: alla scoperta del container tracking

05 dicembre 2022
Trasporti nazionali e internazionali

Logistica last-mile: Amazon ha attivato quattro hub di micromobilità per ri...

01 dicembre 2022
Trasporti nazionali e internazionali

Amazon FASTforward 2022, il summit sulla sostenibilità per il settore dei t...

24 novembre 2022

Video

Vedi tutti
Dalle Aziende

Modula Farm, la coltivazione verticale e sostenibile senza vincoli di stagioni, distanza e clima

10 novembre 2022
Eventi e Workshop
Logisticamente Out: il workshop in 60 secondi
29 maggio 2019
Interviste
La transpologistica - Global Summit
01 dicembre 2017

Newsletter

Iscriviti alle nostre newsletter!

Ricevi gratuitamente informazioni e aggiornamenti in materia di logistica, trasporti, magazzino.

Seguici su LinkedIn

Logisticamente.it