Outsourcing

Finanziamenti ministeriali per l'Autotrasporto.

15 giugno 2013
In breve
Gli ambiti di applicazione, le quote d'aiuto, chi e come può fare domanda: i punti chiave del decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 21 marzo 2013.
Premessa
Lo abbiamo anticipato in questi giorni (MIT: 24 mln per autotrasporto e logistica): sono ben 24 milioni di euro i finanziamenti che il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti mette a disposizione delle imprese dell'autotrasporto che si impegnino in progetti e nell'acquisto di veicoli o rimorchi che corrispondano ai più recenti criteri di sostenibilità ambientale o che apportino una maggior produttività dal punto di vista economico e logistico.

Con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale del 10 giugno 2013, infatti, diventa effettivo il decreto legge del 21 marzo 2013 con cui il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti informa delle modalità di accesso da parte delle imprese dell'autotrasporto ai 24 milioni di euro stanziati con il decreto 92/2013. Vediamo, quindi, in cosa consistono tali investimenti e a quali progetti sono destinati, come illustrato nel decreto del 21 marzo 2013. Per consultare il testo integrale è possibile scaricare il documento dal sito della Gazzetta Ufficiale.


Ambiti di applicazione
I 24 milioni di euro finanziati vengono ripartiti in diversi ambiti, destinati a questi investimenti e iniziative imprenditoriali:
  • Autoveicoli. I finanziamenti, erogati con contributo diretto sono destinati all'acquisizione di autoveicoli, nuovi di fabbrica, per il trasporto di merci di massa complessiva a pieno carico pari o superiore a 11,5 tonnellate, conformi alla norma anti inquinamento euro VI. Tali veicoli devono essere acquistati a partire dalla data di pubblicazione del decreto (10 giugno 2013) fino al 31 dicembre 2013.

  • Rimorchi o semirimorchi. I rimorchi o semirimorchi con telaio attrezzato per trasporto container o casse mobili, acquistati dalle imprese di autotrasporto, devono appartenere alla categoria O4 e devono essere dotati di dispositivo di frenata EBS.

  • Beni capitali per il trasporto intermodale. Rientrano in questa categoria i container e le casse mobili – Unità di carico intermodale standardizzate che facilitino l'utilizzazione di differenti modalità di trasporto in combinazione fra loro senza alcuna rottura di carico), i dispositivi di movimentazione e sollevamento delle merci (da impiegare nei terminal intermodali, su autocarri, su vagoni ferroviari o su nave) e i nuovi semirimorchi per il trasporto combinato ferroviario rispondenti alla normativa UIC 596-5.

  • Progetti per l'ammodernamento tecnologico. Devono interessare l'ammodernamento tecnologico delle dotazioni capitali delle imprese di autotrasporto ed essere finalizzati al raggiungimento di maggiori livelli di sicurezza e a migliori standard ambientali, fra i quali i meccanismi elettronici che registrano l'attività del veicolo.

  • Progetti per sviluppare e incrementare la competitività. I progetti possono riguardare sia il settore del trasporto che della logistica delle merci, nei limiti delle spese amministrative e notarili. Le acquisizioni si intendono anche per locazione finanziaria, e i progetti anche in forma aggregata.


Finanziamenti
I contributi sono erogabili fino ad esaurimento delle risorse disponibili.
Per questo le istanze verranno esaminate solo nel caso in cui sia accertata la disponibilità di tali risorse. Per quanto riguarda i veicoli (automezzi industriali pesanti), verrà concesso un contributo di 7.000 euro, se verrà dimostrato che la data di prima immatricolazione è avvenuta in Italia tra il 10 giugno 2013 e il 31 dicembre 2013.

Tale importo è calcolato nella misura di circa il 60% del valore del sovra-costo rispetto alla produzione di veicoli euro 5.

Per quanto riguarda gli ambiti relativi ai semirimorchi e rimorchi, ai beni capitali per il trasporto intermodale, e ai progetti per l'ammodernamento tecnologico, i finanziamenti sono consentiti soltanto per quelle misure che innalzino il livello di tutela ambientale.

L'aiuto corrisponde al 20% dell'intero costo di acquisizione.
Se i rimorchi o semirimorchi sono dotati, oltre che del dispositivo di frenata EBS, anche di sistemi di controllo elettronico della stabilità, il contributo si alza al 25% del costo.

Nell'ultimo ambito preso in esame, quello dei progetti per sviluppare e incrementare la competitività nel settore del trasporto e della logistica delle merci, viene sostenuto il 50% dei costi ammissibili.

Tali costi coprono i servizi di consulenza esterna e la realizzazione delle nuove strutture societarie, compresa l'assistenza legale e notarile.

Per le piccole e medie imprese i finanziamenti possono essere maggiorati del 10%, facendone relativa richiesta.

 L'importo massimo per singola impresa non può superare l'1,5% del contributo totale stanziato per i veicoli, e del 2,5% per tutti gli altri ambiti.


Domande e requisiti
Possono richiedere i finanziamenti le imprese di autotrasporto di merci, di qualsiasi dimensione, attive sul territorio italiano, che siano in regola con i requisiti di iscrizione al Registro Elettronico Nazionale e all'Albo nazionale degli autotrasportatori di cose per conto di terzi.

Possono fare domanda anche le strutture societarie derivanti dall'aggregazione delle imprese di autotrasporto regolarmente iscritte al Registro e all'Albo.

Le domande devono essere inviate entro il 31 gennaio 2014, ad avvenuta realizzazione dell'investimento, e devono contenere: ragione sociale dell'impresa o del raggruppamento di imprese, sede dell'impresa, legale rappresentante, codice fiscale, indirizzo del legale rappresentante, firma del legale rappresentante e numero d'iscrizione all'Albo, al Registro Elettronico e alla Camera di Commercio, Industria e Artigianato.

Le domande, compresa la compilazione degli allegati, vanno inviate a al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti - Dipartimento dei trasporti terrestri - Direzione Generale per il trasporto stradale e per l'intermodalità, Via Giuseppe Caraci, 36 - 00157 Roma, tramite raccomandata con avviso di ricevimento, ovvero mediante consegna a mano, presso la stessa Direzione generale.

Alla domanda, nel caso di acquisizione di veicoli, rimorchi e semirimorchi, beni capitali per l'intermodalità o progetti per l'ammodernamento tecnologico, devono essere allegati anche i seguenti documenti: fattura, copia del contratto di acquisizione ovvero di locazione, o, nel caso di acquisizione di veicoli e rimorchi o semirimorchi, soltanto il numero di targa dei veicoli o il numero di protocollo.

Nel caso di progetti per sviluppare la competitività, deve essere allegata la copia dell'atto di aggregazione da cui risulti la finalità perseguita ed i costi di costituzione sostenuti.

Se la singola impresa effettua più di una domanda, successivamente alla prima (allegato 1), dovrà compilare l'allegato 2, ma deve dichiarare l'intenzione di presentare più di una domanda già al momento della prima domanda.


Altri articoli per Outsourcing

Ultimi articoli per Supply Chain

Video

Vedi tutti
Eventi e Workshop

"Alla ricerca della flessibilità" - webinar 07/07/2020

14 luglio 2020
Interviste
4PL: l'entità che gestisce la logistica - Global Summit
12 gennaio 2018
Interviste
La tecnologia creativa - Global Summit
01 dicembre 2017

Newsletter

Iscriviti alle nostre newsletter!

Ricevi gratuitamente informazioni e aggiornamenti in materia di logistica, trasporti, magazzino.

Seguici su Twitter

@logisticamente